Benvenuto, Ospite
In questa area è possibile discutere sulle diverse medicine non convenzionali come la Medicina Tradizionale Cinese, Omeopatia, Ayurveda, Fiori di Bach, Fitoterapia e molto altro !

ARGOMENTO: Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come?

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 28/05/2017 12:43 #55428

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
Come funziona l'olio di cannabis per uccidere le cellule tumorali?
Biochimico Dennis Hill
Da: Dennis Hill www.cureyourowncancer.org/how-cannabis-oil-works.html

Prima diamo un'occhiata a ciò che mantiene le cellule tumorali vive, poi torneremo e esaminiamo come i cannabinoidi CBD (cannabidiol) e THC (tetrahydrocannabinol) svelano la vivacità del cancro.

In ogni cellula c'è una famiglia di sfingolipidi interconvertibili che gestiscono specificamente la vita e la morte di quella cellula. Questo profilo di fattori è chiamato "Sfenidoloide reostato". Se la ceramide endogena (un metabolita di segnalazione dello sfingosina-1-fosfato) è alta, allora è prossima la morte cellulare (apoptosi). Se la ceramide è bassa, la cellula è forte nella sua vitalità.

Molto semplicemente, quando il THC si collega al recettore del cannabinoide CB1 o CB2 sulla cellula tumorale, provoca un aumento della sintesi di ceramide che guida la morte cellulare. Una normale cellula sana non produce ceramide in presenza di THC, quindi non è influenzata dal cannabinoide.

La cellula tumorale muore, non a causa di sostanze chimiche citotossiche, ma a causa di un piccolo piccolo spostamento nei mitocondri. All'interno della maggior parte delle cellule c'è un nucleo cellulare, numerosi mitocondri (centinaia di migliaia) e vari altri organelli nel citoplasma. Lo scopo dei mitocondri è quello di produrre energia (ATP) per l'uso cellulare. Mentre la ceramide comincia ad accumularsi, alzando lo Sphingolipid Rheostat, aumenta la permeabilità dei pori dei membrani mitocondriali al citocromo c, una proteina critica nella sintesi dell'energia. Il citocromo c viene spinto dai mitocondri, uccidendo la fonte di energia per la cella.


Immagine


La ceramide provoca anche lo stress genotossico nel nucleo delle cellule tumorali che genera una proteina chiamata p53, il cui compito è di interrompere il metabolismo del calcio nei mitocondri. Se ciò non fosse sufficiente, ceramide distrugge il lisosoma cellulare, il sistema digestivo della cellula che fornisce sostanze nutritive per tutte le funzioni cellulari. La ceramina e altri sfingolipidi inibiscono attivamente i percorsi di sopravvivenza nella cellula senza lasciare alcuna possibilità a tutti la sopravvivenza delle cellule tumorali.

La chiave di questo processo è l'accumulo di ceramide nel sistema. Ciò significa assumere quantità terapeutiche di CBD e THC, costantemente, per un periodo di tempo, mantenendo la pressione metabolica su questa via di morte della cellula cancerosa.

Come è diventato questo percorso? Perché il corpo può assumere un semplice enzima vegetale e utilizzarlo per una profonda guarigione in molti diversi sistemi fisiologici? Questo sistema endocannabinoide esiste in tutta la vita animale, solo in attesa del suo corrispondente attivatore exocannabinoide. Questo è interessante. Il nostro sistema endocannabinoide copre tutte le cellule ei nervi; È il messaggero di informazioni che scorre tra il nostro sistema immunitario e il sistema nervoso centrale (CNS). È responsabile della neuroprotezione e micro-gestisce il sistema immunitario. Questo è il sistema di controllo primario che mantiene l'omeostasi; Il nostro benessere.

Solo per curiosità, come viene fatto il lavoro a livello cellulare e da dove il corpo fa i endocannabinoidi? Qui vediamo che gli endocannabinoidi hanno la loro origine nelle cellule nervose proprio alla sinapsi. Quando il corpo viene compromesso per malattia o lesioni, chiama con insistenza il sistema endocannabinoide e dirige il sistema immunitario per portare la guarigione. Se questi sistemi omeostatici sono indeboliti, non dovrebbe sorprendere che gli exocannabinoidi siano terapeutici. Aiuta il corpo nel modo più naturale possibile.

Per vedere come funziona noi visualizziamo il cannabinoide come una molecola tridimensionale, in cui una parte della molecola è configurata per adattarsi al sito del recettore delle cellule nervose o immunitarie proprio come una chiave in una serratura. Ci sono almeno due tipi di siti di recettori cannabinoidi, CB1 (CNS) e CB2 (immunitario). In generale CB1 attiva il sistema di messaggistica CNS e CB2 attiva il sistema immunitario, ma è molto più complesso di questo. Sia THC che anandamide attivano entrambi i siti del recettore. Altri cannabinoidi attivano uno o altri siti di recettori. Tra i ceppi di Cannabis, C. sativa tende verso il recettore CB1 e C. indica tende verso CB2. Quindi la sativa è più neuroattiva, e l'indica è più immunoattiva. Un altro fattore qui è che sativa è dominata dai cannabinoidi THC, e l'indica è prevalentemente CBD (cannabidiol).

È noto che THC e CBD sono biomimetici all'anandamide, cioè il corpo può utilizzare sia in modo intercambiabile. Così, quando lo stress, lesioni o malattie richiedono più da anandamide endogeno che non può essere prodotto dal corpo, i suoi exocannabinoidi mimetici vengono attivati. Se lo stress è transitorio, il trattamento può essere transitorio. Se la domanda è sostenuta, come nel cancro, allora il trattamento deve fornire una pressione sostenuta dell'agente modulante sui sistemi homeostatici.

Tipicamente, la CBD gravita sui recettori CB2 densi di recente nella milza, sede del sistema immunitario del corpo. Da lì, le cellule immunitarie cercano e distruggono le cellule tumorali. È interessante notare che è stato dimostrato che i cannabinoidi THC e CBD hanno la capacità di uccidere le cellule tumorali direttamente senza passare da intermediari immunitari. Il THC e il CBD si avvalgono del percorso della lipossigenasi per inibire direttamente la crescita del tumore. Come nota laterale, è stato scoperto che CBD inibisce l'assunzione di anandamide. Qui vediamo che cannabidiol aiuta il corpo a preservare il proprio endocannabinoide naturale, inibendo l'enzima che rompe l'anandamide.

Questo breve sondaggio tocca leggermente alcuni concetti essenziali. Principalmente vorrei lasciarti con l'apprezzamento che la natura ha progettato la medicina perfetta che si adatta esattamente con il nostro sistema immunitario di recettori e metaboliti di segnalazione per fornire una risposta immunitaria rapida e completa per l'integrità sistemica e l'omeostasi metabolica.

Qui informazioni sulle supposte di mariuana

merryjane.com/health/what-you-need-to-kn...nnabis-suppositories
Ultima modifica: 28/05/2017 12:45 da Clara.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: miciofelix, Marco R.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 28/05/2017 13:06 #55429

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
Naturalmente la Cura è altamente illegale, con l'eccezione di Israele, ma devo verificare...
Ultima modifica: 28/05/2017 16:36 da yagoo40.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 28/05/2017 16:07 #55434

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
DIFFERENZE TRA THC e CBD, la cura antitumorale è illegale perchè contiene il THC in abbondanza.

Con i centinaia di composti contenuti nella Cannabis, sapere quali effetti induce ciascuno di essi può risultare complicato. Ci siamo limitati ad approfondire i due principali cannabinoidi, il THC e il CBD, per evidenziare le loro differenze e usi.

Il mondo della Cannabis può essere un vero e proprio campo minato, soprattutto quando si cerca di capire la differenza tra i diversi composti di questa pianta, così amata e ricercata da molti. I confini legali che limitano l'accesso alla Cannabis in molti Stati, tuttavia, generano un fattore intimidatorio, per il quale molte persone preferiscono rinunciare ad approfondire la miriade di usi che questa pianta offre. I due principali composti, o "cannabinoidi", contenuti nella Cannabis sono il THC e il CBD. Il THC è quello più conosciuto, trattandosi del principio attivo a cui sono associati gli effetti psicoattivi e, di conseguenza, il responsabile dell'illegalità della Cannabis in molti Paesi. Tuttavia, quando si parla di CBD le cose cambiano, e molto. Questo cannabinoide, infatti, ha proprietà ben diverse dal THC, ma l'ignoranza, spesso, tende ad etichettarlo come un altro composto psicoattivo da evitare.

Comprendere con precisione la vera differenza tra questi due principi attivi può risultare piuttosto complicato, ma vi consentirà di capire meglio alcuni dei più moderni ed eccitanti usi della Cannabis, come quello di offrire a molte persone la possibilità di migliorare il proprio tenore di vita.

Iniziamo ad analizzare il composto più conosciuto ed amato dai consumatori di Cannabis: il THC, o tetraidrocannabinolo (rimaniamo pure con la sigla THC, molto più semplice da pronunciare e da ricordare). Si tratta del principale composto psicoattivo contenuto nelle piante di Cannabis ed è il responsabile del cosiddetto "high" provocato dalla marijuana. Gli effetti del THC variano a seconda della sua concentrazione, ma anche piccole percentuali possono stimolare a livello cerebrale. Normalmente, si avvertono sensazioni di euforia, rilassamento, appesantimento e appetito (come la famosa fame chimica che molti di voi conosceranno). Tuttavia, è proprio questa capacità di alterare i sensi che ha reso illegale il THC in gran parte del mondo, dove, però, la diffusione della Cannabis come droga ricreativa non ha trovato alcun ostacolo. Pur trattandosi di un composto psicoattivo considerato illegale in molti Paesi, il THC ha mostrato interessanti proprietà anche nel campo della medicina. Essendo il primo composto scoperto all'interno delle piante di Cannabis, la ricerca ha già ottenuto promettenti risultati per una sua eventuale applicazione con fini terapeutici. È stato infatti dimostrato che può agire efficacemente contro malattie croniche o gravi e disturbi di varia natura, offrendo sollievo e riducendo i dolori laddove i convenzionali farmaci hanno fallito o non possono essere utilizzati per i loro effetti collaterali dannosi.


CBD

Ora che abbiamo compreso meglio le proprietà del THC, possiamo affrontare con maggiore facilità i benefici offerti dal CBD (cannabidiolo), così come le differenze che separano questi due cannabinoidi. La principale differenza è che il CBD è un composto non psicoattivo, ovvero non provoca alcun "high". Ciò, ovviamente, è stato accolto con particolare entusiasmo dal mondo scientifico e medico, ma le sue potenziali applicazioni sull'uomo sono ancora oggi in fase di studio. Grazie alle sue proprietà non psicoattive, questo cannabinoide è considerato sicuro e, ancora più importante, legale in tutto il mondo. Tuttavia, la stretta parentela con il THC tende a mettere, erroneamente, sullo stesso piano questi due composti. Ma adesso che sappiamo che il CBD è sicuro e legale, quali sono le sue reali e potenziali applicazioni?
Il CBD ha dimostrato di essere particolarmente efficace nel trattamento contro la schizofrenia, il disturbo d'ansia sociale e la depressione, oltre a contrastare molti altri sintomi psicotici. Le persone affette da questi disturbi riescono a migliorare la loro qualità di vita grazie alle proprietà terapeutiche di questo cannabinoide, senza però essere costrette a gestire anche gli effetti collaterali potenzialmente indotti dal THC, come l'alterazione dei sensi e le sensazioni di appesantimento e di letargia. Oltre ad aiutare nelle terapie contro alcuni sintomi psicotici, il CBD viene anche usato nel trattamento di malesseri fisici come infiammazioni, emicranie, artriti e spasmi muscolari (dando a questo cannabinoide una connotazione terapeutica ancora più ampia). Allo stesso tempo, essendo un composto molto versatile, il mondo della medicina continua ancora oggi a studiarne tutti i possibili effetti, per poter così delineare con maggiore precisione le sue applicazioni in campo medico. La lentezza con cui la ricerca si muove in questa direzione è principalmente dovuta all'immagine che la società moderna ha del THC, considerato il leone aggressivo dei principi attivi della Cannabis, assolutamente da evitare. Tuttavia, per quanto gran parte degli studi si trovi ancora in alto mare, ciò che rende ancora più interessante l'approccio scientifico verso il CBD è che si potrebbero scoprire altre interessanti proprietà terapeutiche, rilanciando nuovamente il settore della Cannabis in un contesto ancora più positivo. www.zambeza.it/blog-qual-e-la-differenza-tra-thc-e-cbd-n47
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: yagoo40, miciofelix

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 28/05/2017 16:45 #55435

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
Storia di Rick Simpson www.cureyourowncancer.org/rick-simpson.html


Un giorno il nome "Rick Simpson" sarà un nome di famiglia. Sarà conosciuto come l'uomo che ha riscoperto la cura per il cancro . Il viaggio di Rick per trovare la cura per il cancro inizia nel 2003. Nel 2003 a Rick è stato diagnosticato un tumore della pelle cutanea basale. Aveva 3 macchie di cancro sul suo corpo. 2 sul viso e 1 sul collo.

Dopo non aver avuto molta fortuna con l'intervento chirurgico, Rick ha deciso di provare qualcosa di diverso. Per quasi un anno Rick aveva estratto l'olio dalla pianta di cannabis e ingerito oralmente. Aveva preso l'olio per altri motivi di salute, ma la diagnosi del cancro gli ricordava qualcosa e gli dava un'idea. Ricordava un titolo radiofonico che aveva sentito quasi 30 anni prima. Il titolo radio aveva dichiarato che l'Università di Virginia aveva trovato che il cannabinoide THC poteva uccidere il cancro nei topi. Ha pensato che se uccide il cancro nei topi, avrebbe ucciso anche il suo cancro.

La decisione di Rick era stata di applicare l'olio di cannabis al suo cancro della pelle. Ha applicato il suo olio di cannabis ad alcune bende e li ha messi sul cancro della pelle. Dopo 4 giorni di attesa, decise che era giunto il momento di vedere se qualcosa fosse accaduto sotto le bende. Sorprendentemente il cancro era sparito. Il suo olio di cannabis aveva curato il suo cancro.

Rick cercò di raccontare al suo medico ma non lo aveva ascoltato. Così è andato alle organizzazioni del cancro e ha cercato di ottenere il loro aiuto, ma nessuno ha voluto fare nulla con la sua scoperta. A quel punto Rick prese le cose nelle sue mani. Ha iniziato a crescere la cannabis sulla propria terra e produrre il proprio cannabis. Ha dato l'olio gratuitamente a chiunque ne avesse bisogno.

Nel 2008 un produttore cinematografico Christian Laurette ha pubblicato il primo documentario gratuito su YouTube condiviso la storia di Rick. Il documentario è intitolato "Run From the Cure". Se non l'hai guardato dovresti (mostrato di seguito). Questo documentario è stato visto milioni di volte in tutto il mondo e ha aiutato milioni di persone. Se non fosse per il documentario di Christian su Rick che sa dove la medicina della cannabis sarebbe oggi.

Sono passati più di 10 anni da quando Rick ha iniziato il suo viaggio per dire agli altri che l'olio di cannabis può curare il cancro. Rick ha guarito oltre 5000 persone personalmente con questo sorprendente olio per non parlare delle innumerevoli altre che hanno sentito la sua storia e sono state guarite. Rick è stato l'ispirazione per me di avviare CureYourOwnCancer.org e iniziare ad aiutare gli altri. Il mondo deve a questo grande uomo un ringraziamento per il suo coraggio e la sua perseveranza nel fare in modo che tutti conoscano ovunque l'olio di cannabis e cosa può fare
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Marco R.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 09/07/2017 23:53 #56193

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
Un bimbo di 8 mesi con un cancro inoperabile al cervello, “è salvo grazie alla cannabis”
14/04/2014 17:08

Un altra storia che arriva dall’America e che parla di cancro e di estratto di cannabis. Questa è stata raccontata più di anno fa direttamente dallo stesso dottore, incredulo per i risultati che questo tipo di cura ha avuto sul tumore cerebrale di un un bimbo di 8 mesi, giudicato inoperabile.

Oggi è lo stesso Rick Simpson, famoso attivista che dopo aver sperimentato su sé stesso i benefici dell’estratto di cannabis nei confronti del cancro porta avanti la sua battaglia insieme alla fondazione Phoenix Tears, che, con una foto riproposta sul web dai suoi collaboratori, chiede che questa storia venga raccontata e diffusa.

Proprio in questi giorni un gruppo di attivisti sta raccogliendo i fondi per realizzare un documentario che racconti la storia di 5 pazienti affetti da diversi tipi di cancro che hanno scelto di provare l’estratto di cannabis come possibile cura, oggi che sono sempre di più gli studi scientifici che dimostrano come sia il THC, componente psicoattivo della cannabis, sia il CBD, sono in grado di uccidere le cellule tumorali senza causare nessun effetto collaterale significativo per il nostro organismo. E inoltre, nei mesi scorsi, è stato avviato il primo studio scientifico per studiare i cannabinoidi “come un potenziale trattamento per il glioblastoma multiforme”, una forma aggressiva di cancro al cervello.

William CourtneyEra la fine del 2012 quando un padre ha scelto di provare a curare il tumore al cervello del proprio bimbo di 8 mesi tramite l’estratto di cannabis.

Ed è William Courtney (nella foto), il dottore che l’ha avuto in cura, ad aver raccontato all’Huffington Post come: “Ero scettico rispetto a questo trattamento fino a 5 o 6 anni fa. Ma dopo due mesi di somministrazione al bambino (tramite il ciuccio, due volte al giorno e aumentando nel tempo il dosaggio) di un estratto particolarmente ricco di CBD, il tumore si era talmente ridotto che i pediatri specialisti in oncologia gli diedero il permesso di continuare a non effettuare le terapie tradizionali”.

Tumore cervelloIl dottore ha continuato a spiegare come il tumore “dopo 2 mesi era decisamente ridotto, dopo 4 fosse quasi scomparso e dopo 8 era stata ripristinata la normale struttura del cervello”.

Il successo secondo il dottore è della terapia con estratto di cannabis che: “Ha permesso al bambino di non subire i danni a lungo termine di alte dosi di chemioterapia o radiazioni. Ora il bimbo è stato soprannominato come “miracle baby”, ma credo che questo sia il primo approccio da seguire per tutti i bambini prima di sottoporli a qualsiasi tipo di cura che possa avere tremendi effetti a lungo termine”.

www.cannabisterapeutica.info/2015/04/17/...stratto-di-cannabis/
Ultima modifica: 09/07/2017 23:57 da Clara.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Marco R.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 09/07/2017 23:57 #56194

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
Alcuni casi di tumore al fegato regredito grazie all’estratto di cannabis
17/04/2015 16:37

cancro fegato estratto cannabisEsistono pochi studi di laboratorio riguardanti azioni specifiche e significative dei cannabinoidi sul tumore al fegato e si trovano pochissimi casi clinici trattati per scelta del paziente con terapie a base di cannabinoidi. Fra gli esperimenti in vitro più significativi si trova questo studio che indica come il THC induca l’autofagia delle cellule tumorali del fegato.

Ricordiamo che in ambito oncologico si definisce scientificamente efficace una cura quando i pazienti sopravvivono almeno 5 anni. Nel caso dell’olio concentrato di cannabis non esistono ancora dati così estesi nel tempo. Ci limitiamo qui a riportare l’aneddotica considerata più attendibile nell’ambito del tumore al fegato guarito o in corso di regressione a seguito di terapia con THC, CBD e altri integratori di origine vegetale.

canacro fegato estratto cannabis 2Abbiamo parlato in questo articolo di Mike Cutler, oggi 64enne, che nel 2009 ha subito un trapianto di fegato a seguito di un tumore in fase terminale. Nel 2012 la neoplasia si è manifestata nuovamente non lasciando spazio per una terapia tradizionale. Il paziente viene dimesso dall’ospedale con una fornitura di morfina per accompagnarlo alla morte. Mike non si rassegna e tenta la strada illegale dell’olio concentrato di cannabis come unica terapia antitumorale. Nel 2014 la biopsia non rileva più alcuna traccia di tumore nel fegato trapiantato. La testimonianza di Mike Cutler può essere vista e ascoltata in questa intervista e in questa conferenza.

Un’altra scelta individuale dei cannabinoidi contro il tumore al fegato viene riportata sul blog di Chris Wark, sopravvissuto con terapie naturali a un tumore terminale al colon all’età 23 anni. Chris raccoglie, vaglia e pubblica le testimonianze di pazienti che stanno sperimentando strade alternative a chemioterapia e radioterapia. In questo caso si tratta di un paziente con tumore al fegato in fase avanzata, diagnosticato all’età di 34 anni. Il paziente ha inizialmente sostituito la morfina con l’estratto di cannabis e ha poi proseguito con il supporto di un naturopata una terapia incentrata su cannabinoidi e altri principi attivi vegetali con funzioni antiossidanti e antitumorali. La terapia è ancora in corso con due grammi di estratto al giorno, ben tollerati. Gli ultimi esami rilevano che gli indicatori tumorali nel sangue sono scesi a livelli normali e il paziente per il momento ha scelto di non farsi assistere da un oncologo nella sua strada terapeutica con l’olio di Rick Simpson.

Caso noto è poi quello di Steve Danks. Paziente, ma anche imprenditore inglese impegnato nella rinascita della canapa industriale, di cui è stato un pioniere. È proprietario di una marca di prodotti parafarmaceutici a base di cannabis e fondatore di un’associazione per la cannabis medica nel Regno Unito. Una trasfusione di sangue infetto ha causato un’epatite C compromettendo la funzionalità del suo fegato fino a causare una formazione tumorale. Quando la medicina tradizionale si è arresa Steve ha scelto una terapia con olio concentrato di cannabis e oggi si considera guarito. Conduce una vita dinamica e attiva nelle iniziative a favore della cannabis terapeutica e delle medicine alternative. Ha partecipato al VegFest UK 2015, la più grande fiera europea della cultura vegana tenuta quest’anno a Brighton.

Stefano Mariani www.cannabisterapeutica.info/2015/04/17/...stratto-di-cannabis/
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Marco R.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 11/07/2017 00:13 #56199

  • kik-ko
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 413
  • Ringraziamenti ricevuti 18
l'olio di cannabis si puo comprare con ricetta medica avevo sentito dire....non è illegale. e va bene per tante cose , non solo malattie gravi. però credo che la ricetta la faccia solo un medico che lo conosce ... difficile da trovare
è complicato autoprodurlo? qualcuno lo ha usato ? si riesce a comprarlo senza ricetta in rete?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 11/07/2017 13:07 #56207

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
Se ti riferisci al THC questo è illegale e si può ottenere il prodotto solo con la ricetta:
Vedi al link già postato molte informazioni www.farmagalenica.it/cannabis-sativa-bed...o-galenico-farmacia/

Se invece ti riferisci al CBD, l'altro cannabinoide della cannabis questo è legale e lo puoi acquistare su diversi siti ad esempio qui www.royalqueenseeds.it/cbd-oil/217-royal-cbd-oil-10ml.html
o qui www.cibdol.com/it/

Ci sono diversi video su youtube che mostrano come estrarre l'olio, alcuni lo fanno, occorre però la sostanza di base, la cannabis e occorre che sia biologica e di una certa qualità.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 11/07/2017 18:03 #56210

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1672
La demonizzazione della cannabis:
Marijuana Tax Act del 1937

Il direttore del Federal Bureau of Narcotics americano, Harry J. Anslinger, era uomo ambizioso, razzista e bigotto, che giustificò la proibizione con le seguenti parole:

Negli Stati Uniti d’America ci sono 100mila fumatori di marijuana. La maggior parte di loro sono negri, ispanici, filippini e artisti. La loro musica satanica, il jazz, lo swing, sono il risultato dell’uso di marijuana. La marijuana provoca nelle donne bianche il desiderio di intrattenere rapporti sessuali con negri, artisti e altri.
(…) la prima ragione per mettere la marijuana fuori legge è il suo effetto sulle razze degenerate.
La marijuana è una droga che provoca assuefazione e produce negli utilizzatori insanità, criminalità e morte.
La marijuana porta al lavaggio del cervello pacifista e comunista.
Gli spinelli inducono i negri a pensare che sono come gli uomini bianchi.
Fuma uno spinello e probabilmente ucciderai tuo fratello.
La marijuana è la droga che più ha causato violenza nella storia dell’uomo.
:woohoo:

Da Breve storia della cannabis www.asiablog.it/2009/08/19/cannabis-stori/
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Liuc33

Olio di Cannabis uccide le cellule tumorali. Come? 04/09/2017 23:34 #56534

  • kik-ko
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 413
  • Ringraziamenti ricevuti 18
ho letto però che la marjuana fumata inibisce la produzione della melatonina e danneggia l'organismo in vari modi.... come al solito se anche ha dei vantaggi poi ha degli effetti collaterali
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.222 secondi

Salute Natura  Benessere
 

Realizzato un nuovo accordo commerciale! Sconto del 5% su centinaia di prodotti riservato ai foristi ADS. CLICCA per il codice PROMO.

 

arcobalenoErboristeria Arcobaleno

Sconto per lo shopping online. Solo gli iscritti al portale "Alleanza della Salute Forum di Medicina Ortomolecolare" potranno avvalersi di tale sconto che vale l' 8%. CLICCA