Benvenuto, Ospite
Forum della conoscenza acquisita. In questo forum potranno inserire post solo i moderatori per mettere in evidenza discussioni lanciate da altri ma che portano conoscenza certa e sperimentata. Questo è il trampolino per il portale.

ARGOMENTO: Nuove fresche info su vitamina D

Nuove fresche info su vitamina D 01/02/2014 19:17 #25063

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1679
Vedo che non rispondi sulla C e la natura...

"il paziente di cui parli non aveva bisogno di vitamina D come supplemento," mah questa affermazione mi sembra davvero fuori luogo!!
ti faccio presente anche un altro caso di una donna con necrosi avascolare autoimmune al polso che sembrava non potesse far altro che sottoporsi a un intervento, la cosa assurda in questo caso che riguarda proprio l'osso è che nessuno dei tanti prof. consultati le aveva mai fatto fare le analisi per la D, fatte queste comunque abbiamo visto il grave deficit, ora sta integrando da un anno, e non ha più avuto ricadute, scomparsi i dolori.

Secondo te allora le differenze alle analisi non contano?
Se qualcuno ha 11 o 40 o 50 per te ha lo stesso significato?

E comunque risottolineo per l'ennesima volta, poi mi ritiro, che non sto elevando la D a unica cura,( quante volte te l'ho già detto?) ma che trovo estremamente interessante l'argomento.
Personalmente ipotizzo uno stretto legame tra D e melatonina come ho già scritto in un altro post.
Caro Francois adieux... o come si dice in dialetto at salù
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuove fresche info su vitamina D 02/02/2014 11:00 #25069

  • francois
  • Offline
  • Bannato
  • Messaggi: 656
  • Ringraziamenti ricevuti 296
Non ho parlato della C perchè ritengo superfluo.
La natura ci offre una enormr quantità di fonti da cui assimilare questa vitamina,
nè ha incidenza confrontarci con gli animali,
possiamo tranquillamente essere autonomi e autosufficienti.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuove fresche info su vitamina D 06/02/2014 15:18 #25180

  • Raffaele/Michelangelo
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Poesia è la vita
  • Messaggi: 669
  • Ringraziamenti ricevuti 772
La letteratura scientifica non riporta evidenze negative sugli eccessi di magnesio derivanti dall’alimentazione e ciò è fin troppo comprensibile, dato l’uso in agricoltura di concimi a base di potassio che declassano notevolmente il contenuto di Mg 2+, come anche alcune tecniche di trasformazione dei prodotti agricoli (abburramento delle farine, brillatura del riso, raffinazione dello zucchero, ...) o la cottura stessa degli alimenti (30-75% di Mg 2+ in meno rispetto al cibo crudo) e il congelamento.

Ciononostante, vi sono chiare evidenze dei contraccolpi negativi da eccessi (se lo si preferisce) di magnesio da supplementazione che vanno dalla diarrea ai disturbi gastroenterici, alla letargia, al disorientamento mentale, agl’inconvenienti circa il regolare battito cardiaco, al danneggiamento dell’efficienza renale e ancora al deliquio muscolare, alle complicazioni respiratorie, allo arresto cardiaco.

Nota bibliografica:

- Shils ME. Magnesium. In: O’Dell BL, Sunde RA, eds. Handbook of Nutritionally Essential Minerals. New YorK: Marcel Dekker, Inc; 1999: 169-192.
- Food and Nutrition Board, Institute of Medicine. Magnesium. Dietary Reference Intakes: Calcium, Phosphorus, Magnesium, Vitamin D, and Fluoride. Washington, D.C.: National Academy Press; 1997: 190-249.

A Maurizio, relativamente a suo papà, che ha un’alterata funzionalità renale, raccomando di stare attento col magnesio in quanto una eventuale assunzione che non fosse sotto la supervisione di un medico potrebbe esporlo a un maggior pericolo per un eccesso del sale da supplementazione, con conseguenze anche fino al coma e alla morte.

Tanto è che avvisaglie di intossicazione da magnesio si sono riscontrate in pazienti che assumevano quantità abbastanza contenute di antiacidi o lassativi includenti magnesio.

Per non parlare poi delle interazioni nutriente-farmaci.

Ciò, pur nella consapevolezza che vi possano essere situazioni abbisognanti di quantità maggiori di magnesio ma sempre sotto lo stretto controllo medico in certe specifiche circostanze.

Nota

Assunzione spropositata = dose considerevolmente più alta del livello massimo tollerabile (UL) previsto per soggetti in buona salute o relativamente a soggetti con patologie specifiche che assumano magnesio in eccesso senza una specifica supervisione medica (mi sono guarito l’ipertensione col magnesio sospendendo due farmaci, un calcioantagonista e un diuretico, monitorando bi-settimanalmente la pressione sanguigna e graduando la sospensione prima del Lacirex da 4 mg e successivamente del losazid da 100 mg + 25 mg, continuando a rilevare in ambulatorio medico per due volte la settimana i valori pressori fino a 3 mesi dopo la sospensione per verificare di non avere un effetto rimbalzo, anche a distanza, dei farmaci eliminati: dunque, conosco bene la grandissima utilità di questo sale ma anche le dovute cautele da adottare in certe specifiche circostanze o in certi eccessivi abusi).

Infatti, una dose massiccia di magnesio nel flusso ematico e in soggetti con un'alterazione della funzionalità renale può esitare in:

- allungamento del tempo di conduzione atrio-ventricolare (blocco atrio-ventricolare di primo grado (BAV I) ossia un allungamento del tempo che la corrente utilizza per oltrepassare il sistema di conduzione del cuore e pervenire al muscolo cardiaco), con tanto di decelerazione della creazione d'impulsi nel nodo seno-atriale (NSA) o nodo di Keith-Flack (dal nome dei due che lo hanno individuato) e riduzione delle contrazioni ventricolari indotte dalla digitale;

- “rammollimento” globale e sedazione (S.N.C.);

- effetto deprimente sulla muscolatura, dovuto al declassamento della liberazione di un indispensabile modulatore chimico, l'acetilcolina.

In quanto poi ai raggi ultravioletti, essi possiedono una componente di radiazioni non ionizzanti (UVA) mentre altre sono ionizzanti (UVB).

Quantità massicce di UVB producono scottature, che alimentano la possibilità di contrarre un tumore ma solamente della cute, per via della modesta infiltrazione dei fotoni ultravioletti.

Vi sono comunque ben 9 patologie ascrivibili alle radiazioni ultraviolette:

− melanoma cutaneo: neoplasia dei melanociti fabbricatori di melanina;

− carcinoma a cellule squamose (o epitelioma spinocellulare): decisamente maligno e con tendenza a metastatizzare e recidivare;

− basalioma (o carcinoma basocellulare): meno maligno di quello squamoso;

− opacizzazione del cristallino (cataratta);

− ispessimento della congiuntiva, opacizzazione della cornea;

− herpes labiale (ricomparsa).

E' indubbio che la vitamina C osteggi validamente il deleterio operato del perossido di idrogeno (H2O2), promuovendo la salvaguardia cellulare e diminuendo la possibilità di mutazione neoplastica.

Infatti, gli affètti da neoplasia hanno generalmente uno scarso raccoglimento di acido ascorbico nel plasma ematico e nei G.B.

Una concentrazione così esigua che le cellule non riescono più a fagocitare sia i batteri sia le cellule estranee al corpo, incluse quelle neoplastiche.

Dunque, mantenere adeguato il livello di acido ascorbico nel flusso ematico è indispensabile proprio per quella propensione a sviluppare infezioni che ha una sua ridotta concentrazione cellulare.

La vitamina C riesce con considerevole idoneità a permutare le sostanze nocive in non dannose che saranno espulse con le urine.

Per es., i nitrati e i nitriti degli alimenti trattati si associano nell'apparato gastrico con composti amminici ed esitano nelle tumorali nitrosammine.

La stessa prevenzione è attuata per le neoplasie della vescica, dell'ultimo tratto enterico, ...

Le neoplasie realizzano, infatti, la ialuronidasi, un enzima che aggredisce e sfinisce la materia intercellulare dei vicini tessuti, consentendo così l'insediamento cancerogeno cellulare.

Rinvigorire la materia intercellulare, inibire la ialuronidasi, fortificare le stazioni immunitarie, ecco l'importante, basilare funzione della vitamina C nei confronti delle neoplasie.

Ma nessuno creda che la vitamina C, sostegno poderoso e necessario, possa essere un trattamento esaustivo e definitivo per la gestione e il controllo delle neoplasie, salvo per particolari patologie e circostanze, come, per es., avviene per lo stesso carcinoma basocellulare della pelle, ma non altrettanto significativamente per il melanoma, che si espande più rapidamente e malignamente dell'altro.

Decisiva invece l'efficacia della vitamina C nelle patologie virali: saturando i tessuti, essa penetra nell'intracellulare e uccide i virus temporaneamente inattivi.

Anche il limone, gioca un ruolo importante nella prevenzione delle neoplasie, dato che in esso figurano molecole con considerevole patrimonio antiossidante, in grado di osteggiare il devastante operato dei radicali liberi, i quali sono capaci di modificare la conformazione delle membrane cellulari e del materiale genetico (DNA) e d’innescare i pericolosi meccanismi di generazione neoplastica.

Il riferimento è ai flavonoidi e ai limonoidi, questi ultimi presenti per lo più sulla scorza del limone.

Non solo: essi hanno la capacità di ridurre le infiammazioni croniche, piedistalli della trasformazione oncologica cellulare dei tessuti, ridurre la pressione arteriosa, opporsi a infezioni batteriche e funghi, rallentare l’operato di specifiche molecole con elevato potenziale neoplastico, rafforzare le difese immunitarie, alimentando la fabbricazione dei leucociti, contrastare l’osteoporosi, …, avere una incisività addirittura diecimila volte superiore a quella dei chemioterapici!!!

Tutti dovremmo al risveglio assumere del limone spremuto e usarlo poi nelle insalate.

Ma, attenzione: nessun alimento da solo, neanche la vitamina C, può essere esaustivo se non contestualizzato in un’adeguata dieta e supplementazione Ortomolecolare e in un sano stile di vita.

Sulla vitamina D, credo di aver già detto tutto nel mio thread “Vitamine e minerali” e negli innumerevoli post, anche qui, per cui ritengo di non dover effettuare ulteriori precisazioni o ribadimenti.

Raffaele
FeliceE'ChiVedeEContemplaAssente;Ore,GiorniEdAnniInUn DolceSvanire,SaluteNelCorpoELaPaceNellaMente.NotteE' Sonno,GiornoQuietoIre.CosìFammiVivere,NonVistoENon...
Ultima modifica: 06/02/2014 15:23 da Raffaele/Michelangelo.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Stefano, betelgeuse

Nuove fresche info su vitamina D 13/02/2014 12:53 #25338

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1679
Ho trovato questo articolo:
LINEE GUIDA NELLA SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINA D
L.Tafaro, R. Benvenuto, A. Martocchia, I. Indiano, P.Frugoni, E. De Marinis, M. Stefanelli, S.Cola, S.Pascali, A. Devito, P.Falaschi
U.O Geriatria II Facoltà di Medicina e Chirurgia. Sapienza Università Roma. Az Osp S.Andrea.
...La somministrazione nello stesso giorno di 300.000 UI di vit D potrebbe far temere il pericolo di un’intossicazione ma questo timore appare oggi del tutto irrazionale infatti, chiare evidenze indicano che non ci sono problemi di tossicità per somministrazioni continuative di vit D3 fino a dosaggi di 40.000 UI al giorno (19)
www.accademia-lancisiana.it/falaschi_10.htm
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Nuove fresche info su vitamina D 16/02/2014 00:15 #25404

  • Clara
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2975
  • Ringraziamenti ricevuti 1679
si è visto che la tossicità della vitamina D è proporzionale alla carenza di vitamina K

La dose di vitamina D che alcuni ricercatori raccomandano come ottimale terapeutico è superiore a quello ufficialmente riconosciuto come sicuro, , è quindi importante determinare il meccanismo preciso per il quale dosi eccessive di vitamina D esercitano tossicità in modo che i medici e altri operatori sanitari possano capire come utilizzare in modo ottimale le dosi terapeutiche di questa vitamina, senza il rischio di effetti avversi. Sebbene la tossicità della vitamina D è convenzionalmente stata attribuita alla sua induzione di ipercalcemia, studi su animali mostrano che gli endpoint tossici osservati in risposta a ipervitaminosi D quali anoressia, letargia, ritardo di crescita, riassorbimento osseo, calcificazione dei tessuti molli, e morte possono essere dissociati dal ipercalcemia che di solito li accompagna, chiedendo che una spiegazione alternativa per il meccanismo di tossicità della vitamina D da sviluppare. L'ipotesi presentata in questo documento propone la comprensione che la vitamina D esercita tossicità inducendo una carenza di vitamina K. Secondo questo modello, la vitamina D aumenta il ression exp di proteine ​​la cui attivazione dipende K-mediata carbossilazione vitamina, come la richiesta di aumenta carbossilazione, il pool di vitamina K è esaurita. Poiché la vitamina K è essenziale per il sistema nervoso e svolge un ruolo importante nella protezione contro la perdita ossea e calcificazione dei tessuti molli periferici, la sua carenza nei sintomi associati ipervitaminosi D. Questa ipotesi è circumstantially supportata anche dall'osservazione che gli animali carenti di vitamina K o proteine ​​vitamina K-dipendenti presentano notevoli somiglianze con animali alimentati con dosi tossiche di vitamina D, e l'osservazione che la vitamina D e la vitamina K-inibitore Warfarin hanno profili di tossicità simili ed esercitano la tossicità sinergica quando combinato. L'ipotesi propone inoltre che la vitamina A protegge contro la tossicità della vitamina D diminuendo la ression exp di proteine ​​vitamina K-dipendenti ed esercitando così un effetto vitamina K risparmiando. Se gli esperimenti sugli animali possono confermare questa ipotesi, i modelli per cui la dose massima sicura è determinato dovrebbero essere rivisti. I medici e gli altri operatori sanitari sarebbero in grado di curare i pazienti con dosi di vitamina D che possiedono un maggiore valore terapeutico rispetto a quelli attualmente in uso, evitando il rischio di effetti avversi con la somministrazione di vitamina D insieme con le vitamine A e K.
http://linkinghub.el...306987706007171

qui si parla anche del ruolo della vit A insieme a quello della vit K per gli equilibri ideali
translate.google.it/translate?hl=it&sl=e...w%3D1654%26bih%3D930
Ultima modifica: 16/02/2014 00:20 da Clara.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.194 secondi

Salute Natura  Benessere
 

Realizzato un nuovo accordo commerciale! Sconto del 5% su centinaia di prodotti riservato ai foristi ADS. CLICCA per il codice PROMO.

 

arcobalenoErboristeria Arcobaleno

Sconto per lo shopping online. Solo gli iscritti al portale "Alleanza della Salute Forum di Medicina Ortomolecolare" potranno avvalersi di tale sconto che vale l' 8%. CLICCA