Benvenuto, Ospite
In questa area è possibile commentare gli articoli inseriti nel portale. E' possibile anche proporre articoli da inserire. Per tale attività leggere lapposita pagina sulle regole per l'invio degli articoli alla redazione del portale.

ARGOMENTO: I Semi di Pompelmo

I Semi di Pompelmo 03/02/2012 09:49 #1360

  • Gabriele
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Account Deleted
  • Messaggi: 717
  • Ringraziamenti ricevuti 677
SEMI DI POMPELMO

Nel 1980 in Florida, un immunologo, il dottor Jacob Harich amante del giardinaggio si accorse che in un mucchio di materiale da compostaggio i semi di pompelmo nel suo fertilizzante vegetale non si decomponevano.

Si rese conto che nei semi di pompelmo si nascondeva una sostanza, la quale sembrava essere piu' efficace e meno nociva di ogni altro antibiotico conosciuto.La verifica di questa ipotesi fu condotta con diversi studi effettuati in numerose e i risultati hanno confermato molte delle proprieta' antibatteriche dell'estratto di semi di pompelmo, che secondo gli erboristi puo' essere considerato un vero antibiotico naturale che non indebolisce il sistema immunitario, non danneggia la flora batterica, e' ipoallergenico e senza effetti collaterali.

Secondo i guru delle terapie e dell'alimentazione naturali, chi vuole difendersi dal crescente stress della nostra societa', dai danni provocati da una vita poco naturale e un'alimentazione generalmente poco sana e inquinata dalla presenza di additivi, per chi desidera rinforzare il proprio sistema immunitario indebolito, trovera' nell'estratto di semi di pompelmo un ottimo rimedio.

Il suo uso per bocca e' raccomandato soprattutto nella cura delle malattie da raffreddamento e nei disturbi del tratto gastrointestinale, ma puo' essere utilizzato in forma topica contro moltissimi sintomi: in particolare in caso di malattie della pelle e delle mucose provocate da batteri, virus, funghi, o parassiti l'estratto sembra essere in grado di distruggere agenti patogeni.

La ricerca su questa sostanza e' ancora agli inizi ma la conferma sulle sue proprieta' antibatteriche, antimicotiche e antiparassitarie ne ha diffuso il suo utilizzo in vari campi: nella cosmesi, l'azione antisettica dell'estratto puo' essere molto utile in presenza di acne.

Nell'igiene personale previene le infezioni senza infiammare le mucose, puo' essere inoltre utilizzato anche in casa aggiunto all'acqua per lavare, oppure negli umidificatori, nelle vaschette dei caloriferi per evitare la proliferazione dei germi.

Alcune gocce di estratto di semi di pompelmo nell'acqua per bagnare le piante verdi possono eliminare la muffa nei vasi, oppure mantenere freschi i fiori recisi nel vaso. L'omeopatia considera l'estratto di semi di pompelmo un toccasana per il benessere fisico e un'alternativa a molti farmaci e prodotti di sintesi per l'igiene, a conservanti e antiparassitari

www.lapelle.it/alimentazione/pompelmo.htm

Famiglia: Rutaceae
Pianta officinale, alimentare
Parte utilizzata: semi

PRINCIPI ATTIVI
composti polifenolici quaternari; ac.ascorbico; aminoacidi

PROPRIETA'’
I semi di pompelmo contengono bioflavonoidi e naringina, isosakuranetina, neoesperidina, esperidina, diidrocanferolo, quercetina, canferolo, apigenina rutinoside ecc.

Piu alcune proteine. L' estratto viene ricavato dai semi e dalla polpa disidratata.

Per l' estrazione vengono impiegate glicerina o grasso di cocco, non si tratta di una semplice estrazione, ma di una serie di processi durante i quali si formano nuovi legami chimici.

Per esempio i bioflavonoidi vengono trasformati in legami quaternari, questi legami esercitano una potente azione inibente vero i batteri, funghi, parassiti e alcuni virus, mantenendo una btossicita' estremamente bassa nei confronti dell' uomo e degli animali come dimostrato in numerosi studi e test di laboratorio.

I risultati delle ricerche indicano che l'estratto dei semi di pompelmo agisce su 800 ceppi di batteri fra i quali: salmonella, e. Coli, vibrio cholerae, staph, strep, lysteria, shigella dysenteriae, clamydia etc., virus, su circa 100 ceppi fi funghi e molti parassiti monocellulari.

Dagli studi effettuati risulta che l' estratto dei semi di pompelmo esercita attivita' antimicrobica a una concentrazione di 1 a 1000. Un gruppo di ricercatori nel 1989/90 provo' la loro attivita' su 773 ceppi batterici e 93 ceppi di funghi e fece un confronto con 30 antibiotici e 18 antimicotici.

Il risultato fu che' lazione dei semi era uguale a quella delle altre sostanze esaminate.

Ricerche scientifiche hanno dimostrato che il limite oltreil quale si rischia l'intossicazione e' 4000 volte superiore alla dose normale di 10-12 gocce. Un individuo di 80 chili ne dovrebbe ingerire 1,3 litri per avere una intossicazione.

L'estratto allegerendo, grazie all' azione antimicrobica, il lavoro del sistema immunitario contribuisce a rafforzarlo.

Generalmente non genera allergie , ma le persone con allergia verso gli agrumi potrebbero essere sensibili all' estratto di semi di pompelmo.

L'estratto e' impiegato nelle forme influenzali, nelle infezioni gastrointestinali da batteri , virus e funghi, nelle parassitosi, nelle ulcere e gastriti sostenute dall' helicobcter pylori, nel trattamento della candida( saccaromiceta che normalmente si sviluppa nell'intestino senza provocare danni , se il sistema immunitario si indebolisce, questo fungo puo' proliferare e emigrare in altri organi come rene, polmoni, pelle e altre mucose causando notevoli danni.

Ad esempio,
flatulenze, colite, ulcere dell'apparato digerente, disturbi femminili come dolori mestruali, fibrosi, disturbi maschili, come prostatite, allergie, asma, sinusite ecc.

Questi disturbi vengono provocati dalle tossine della candida che ne produce circa un centinaio.
Una di queste, puo' provocare alterazioni ormonali, altre ai nervi, inoltre la candida puo produrre alcool. Le diverse tossine sovraccaricano inoltre il lavoro del fegato.

INDICAZIONI
Infezioni batteriche da samonella, e.coli, vibrio cholerae, staphilococchi, streptococchi, lysteria, shigella dysenteriae, clamydia;

affezioni intestinali da protozoi (entamoeba hystolytica, giardia lambia)¨;

infezioni vaginali croniche da candida;

malattie da raffreddamento, influenza;

disturbi del tratto gastro intestinale (colite ulcerosa, soprattutto se associata alla presenza di patogeni quali shigella, giardia lamblia, amebe)¨ "diarrea" del viaggiatore, come preventivo e curativo; squilibri della flora intestinale (in associazione con lactobacillus acidophylus, lactobacilus rhamnosus, bifidobacterium);

potenziamento delle difese immunitarie (in associazione con estratti di echinacea, uncaria,tabebuia, astragalo.

NOTE
Ricerche tossicologiche confermano che gli estratti dei semi di pompelmo non presentano alcuna tossicità alle dosi consigliate né a breve né a lungo termine.
Soltanto il 3-5 % dei pazienti non tollera bene l'acidità tipica dell'estratto. In questi casi si consiglia di assumere l'estratto a stomaco pieno iniziando il trattamento con il dosaggio minimo, per poi aumentarlo.Sconsigliato agli allergici agli agrumi
Ld50: 5000 mg/kg

Uso esterno dell’estratto di semi di pompelmo


BOCCA e LABBRA:
E’ il rimedio naturale ideale per effettuare gargarismi che producono una potente azione antisettica. Elimina i batteri ed i germi dannosi ed impedisce che si riformino.
Diluire 5 gocce in un bicchiere di acqua, fare gargarismi tre volte al giorno.

AFTE della mucosa buccale e stomatiti ulcerose:
sciacquare la bocca regolarmente, più volte al giorno, con 10 gocce di estratto di semi di pompelmo diluite in un bicchiere d’acqua. Nel caso delle
afte, piccole ulcere dolorose provocate da virus erpetici riattivati, tamponarle con una soluzione costituita da 2 gocce, diluite in uncucchiaio
di acqua, utilizzando un bastoncino di ovatta.

ALITOSI:
può essere causata dai batteri presenti all’interno della bocca, dai denti cariati o dalla fermentazione nel tratto digestivo profondo. Sciacquare la bocca e fare gargarismi più volte al giorno con alcune gocce di estratto diluite in un bicchiere d’acqua.

LABBRA SCREPOLATE:
diluire alcune gocce di estratto in un cucchiaio di olio e detergere le labbra più volte al giorno con questa miscela. Questo trattamento può essere usato anche nel trattamento dell’HERPES LABIALE, lasciando agire il preparato anche di notte.

DENTI E GENGIVE:
la placca dentale, che può provocare la carie e la paradontosi, è di origine batterica. L’infiammazione delle gengive è causata dai prodotti metabolici dei batteri della placca, che sono tossici e aggrediscono le gengive fino a provocarne, in alcuni casi, il sanguinamento.

L’estratto dei semi di pompelmo può prevenire con efficacia la formazione della placca:
1) mettere 1-2-gocce di estratto sullo spazzolino umido e spazzolare i denti 3 volte al giorno;
2) aggiungere 5-10 gocce in un bicchiere d’acqua e fare degli sciacqui;
3) utilizzare il filo interdentale inumidito con l’estratto o aggiungerne 2-3 gocce all’idropulsore;
4) in caso di infiammazioni gravi mettere alcune gocce (diluite in una tazzina da caffè di acqua) su una striscia di ovatta, posarla
sulle gengive e lasciarla agire per un paio di minuti al giorno.
5) l’estratto permette di eliminare i germi indesiderati dallo spazzolino da denti e di evitarne l’ulteriore proliferazione. Mettere 10 gocce di estratto in un bicchiere di acqua e lasciarvi lo spazzolino anche per tutta la notte. Prima dell’uso risciacquarlo con cura per eliminare i
germi morti. La miscela di estratto e acqua deve essere rinnovata ogni due giorni.
6) In caso di mal di denti ed estrazioni dentarie, fare gargarismi più volte al giorno con una soluzione di 10gtt di estratto di semi
di pompelmo diluite in un bicchiere di acqua.
Una soluzione, questa, utile anche in caso di mal di gola, raucedine e laringite.

VISO
(acne, impurità della pelle, brufoli): inumidire la pelle, strofinare circa 5 gocce di estratto sulle mani bagnate e massaggiare bene il viso.Lasciare agire, risciacquare e asciugare tamponando.
Se si avverte una leggera sensazione di prurito sulla pelle significa che l’estratto sta agendo in profondità.

PELLE:
L’estratto, utilizzato sottoforma di spray, si è dimostrato un efficace rimedio di emergenza per le piccole ferite, le bruciature,
le punture di insetto, l’orticaria e, grazie al suo straordinario potere fungicida, per le micosi cutanee.

In quest’ultimo caso l’estratto va frizionato sulle parti interessate, mescolato a glicerina o olio, due volte al giorno; l’applicazione va
continuata anche dopo la scomparsa dei sintomi.

Nelle micosi dei piedi , così come nell’iperidrosi (eccessiva sudorazione dei piedi che viene provocata dai funghi) si può utilizzare la
polvere a base di estratto di semi di pompelmo.


Uso interno dell’estratto:

E’ risaputo che i batteri ed i virus provocano molti disturbi interni o contribuiscono al loro insorgere.

L’efficacia dell’estratto è stata riconosciuta da un numero sempre maggiore di medici naturali, che lo impiegano soprattutto nella cura
delle malattie da raffreddamento e dei disturbi del tratto gastrointestinale.

Le malattie da raffreddamento comprendono i disturbi influenzali - che interessano le vie respiratorie e sono spesso accompagnati da febbre, raffreddore, raucedine, tosse, mal di gola, mal di testa, dolori articolari - e l’influenza vera e propria, che si manifesta più o meno
con i medesimi sintomi dei disturbi influenzali, ma è più grave.

L’estratto di semi si è dimostrato molto efficace: 3-15 gocce 2-3 volte al giorno diluite in un bicchiere di acqua. Le gocce sono già diluite in glicerina e devono essere mescolate molto bene all’acqua; se il sapore è troppo amaro, si può aggiungere del succo di frutta.

La stessa posologia può essere utilizzata con successo anche nelle infezioni del tratto gastrointestinale con diarrea, dolori addominali, nausea e vomito.

L'ESP ha una una proprietà poco conosciuta che vorrei esporvi.

La sua proprietà è "nascosta" in un flovonoide la naringina.

La naringina è una molecola appartenente alla classe degli eterosidi flavonoidici (O-eterosidi che per idrolisi liberano uno o più zuccheri - nel caso della naringina glucosio e ramnosio - ed un aglicone a 15 atomi di carbonio appartenente alla classe dei flavonoidi) condivide quindi con gli altri eterosidi flavonoidici (o bioflavonoidi) molte delle caratteristiche tipiche di questa classe di sostanze, ma possiede anche alcune singolari proprietà che la differenziano e la rendono una molecola molto interessante sia da sola che in associazione con altre materie prime.

In particolare, esercitando un’azione inibente sugli enzimi epatici del complesso citocromo P450, può influenzare i vari meccanismi di attivazione e metabolizzazione di numerose sostanze, siano esse farmaci od altre molecole che percorrono questa via, modulandone la biodisponibilità.

La naringina, in virtù del suo potere inibente nei confronti di alcuni enzimi del complesso citocromo P450, può influenzare anche la biodisponibilità e l’emivita della caffeina. La metabolizzazione della caffeina dipende in larga parte infatti da uno di questi enzimi, il CYP1A1, il quale è presente nel fegato, ma anche a livello intestinale.

In un recente studio è stato dimostrato come la somministrazione di 1,2 L/die di succo di pompelmo contenente 0,5 g di naringina/L abbia diminuito nell’uomo la clearance orale della caffeina del 23% e prolungato la sua emivita del 31%. Inoltre, in vitro, la naringina si è dimostrata un potente inibitore della 3-demetilazione della caffeina in colture di microsomi epatici umani.

Anche se i risultati ottenuti da altri studi non sono del tutto concordi e le modalità non completamente chiarite, sembra ormai certo che la naringina possa inibire l’attività dell’enzima CYPIA2, coinvolto nel complesso meccanismo di metabolizzazione della caffeina ed influenzare, di conseguenza, la biodisponibilità di quest’ultima.

Alcuni studi hanno dimostrato come l’assunzione di naringina possa esercitare un’azione gastroprotettiva. Tale proprietà si esplicherebbe mediante un effetto citoprotettivo rivolto principalmente alle ulcerazioni da etanolo.

L’azione epatoprotettiva della naringina deriverebbe soprattutto dall’azione di inibizione nei confronti degli enzimi del citocromo P450 che, tra le altre cose, in molti casi sottintendono anche all’attivazione di sostanze dannose.

In particolare, sono emerse le seguenti azioni:

azione protettiva rivolta ai danni indotti a livello polmonare ed epatico da specifiche nitrosamine derivate dal tabacco ;
azione protettiva nei confronti dei danni indotti a livello epatico dalle amine eterocicliche aromatiche ;
azione chemiopreventiva nei confronti delle sostanze tossiche attivate dal P450 1A2;
azione protettiva dell’autofagia epatocitica e dell’endocistosi contro l’inibizione da acido ocadaidico (inibitore delle proteine fosfatasi)

Alcuni studi hanno identificato altre possibili proprietà attribuibili alla naringina contenuta nel pompelmo. Tra queste ricordiamo:

attività anti-aterogenica ;
attività contro l’insufficienza venoso-linfatica (gambe pesanti, edemi, crampi, parestesie, emorroidi);
attività coadiuvante dei disturbi circolatori a livello della retina e del colloide.

Oltre a quanto elencato sopra essendo un bioflavonoide partecipa anche :

riduzione della permeabilità e della fragilità delle pareti dei vasi capillari e parallelo aumento della resistenza (effetto capillarotropico).

Azione diuretica, per inibizione della fosfatasi

Inibizione della jaluronidasi: gli eterosidi flavonoidici ostacolerebbero la depolimerizzazione dell’acido jaluronico del tessuto pericapillare;

migliora la permeabilità delle biomembrane: tale azione si manifesterebbe attraverso la capacità degli eterosidi flavonici di legare il calcio e di trasportarlo in forma biologicamente attiva (ionizzata);

interazione rigenerante con l'acido ascorbico: gli eterosidi flavonoidici devono la loro attività vitaminica P al nucleo fenilico, a condizione che esso possegga due ossidrili in posizione orto. In tale circostanza essi fungono da trasportatori di idrogeno. Si ossidano ad ortochinoni i quali, fissando nuovamente idrogeno, ritornano nella forma iniziale. L’attività antiossidante dell’anello fenilico degli eterosidi flavonoidici sarebbe dunque strettamente collegata ai processi ossidoriduttivi della vitamina C (acido L-ascorbico <---> acido deidroascorbico).

Quindi ha decine di effetti benefici ma ricordate che se assumete farmaci (mi auguro di no) come anoressizzanti,antiaritmici,Antistaminici,calcioantagonisti,Chemioterapici,Immunosoppressori,Inibitori della proteasi HIV,Neurologici,Statine, o anche i seguenti principi attivi ,metadone, sildenafil, tadalafil, vardenafil,teofillina e warfarina, dovete fare molta attenzione perchè aumenta la loro biodisponibilità e la loro emivita, quindi li rende ancora più tossici.

Saluti

Bibliografia principale :

Maish W
JD, Lovallo WR (1996). Influence of grapefruit juice on caffeine pharmacokinetics and pharmacodynamics. Pharmacotherapy

Bratman S (2001). The Natural Pharmacist: Natural Health Bible, Revised and Expanded 2nd edition Edited by Stepven Bratman, M.D. & David Kroll, PhD 2001

Bear WL, Teel RW (2000). Effects of citrus phytochemicals on liver and lung cytochrome P450 activity and on the in vitro metabolism of the tobacco-specific nitrosamine NNK.

Pedretti M. Chimica e farmacologia delle piante medicinali. Studio Edizioni. Milano, 1997.

Fuhr U, Klittich K, Staib AH (1993). Inhibitory effect of grapefruit juice and its bitter principal, naringenin, on CYP1A2 dependent metabolism of caffeine in man. Br J Clin Pharmacol

Kuo SM, Levitt PS, Lin CP(1998). Dietary flavonoids interact with trace metals and affect metallothionein level in human intestinal cells.

Kim DH, Jung EA, Sohng IS, Han JA, Kim TH, Han MJ (1998). Intestinal bacterial metabolism of flavonoids and its relation to some biological activities.
Ultima modifica: 04/02/2012 19:12 da Gabriele.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 03/02/2012 15:17 #1394

  • illiria
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 73
  • Ringraziamenti ricevuti 32
Gent.le Gabriele, dove posso comprarlo l'estratto di semi di pompelmo,
che non contenga porcherie?
Grazie
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 03/02/2012 18:04 #1421

  • Nataku
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Dormi per non vivere la solitudine
  • Messaggi: 1010
  • Ringraziamenti ricevuti 208
ma argania lo vende ed è un ottimo prodotto, ora visto che nn siamo dove siamo ma siamo dove siamo, possiamo benissimo trovarne uno altrettanto buono che costi meno :)
chi sa si faccia avanti
Se non lo trovi in te stesso
dove andrai a cercarlo ?

Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare" (Diogene)

Antico...
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 03/02/2012 22:54 #1473

  • illiria
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 73
  • Ringraziamenti ricevuti 32
@Nataku,
da argania ho sempre preso i semi di pompelmo in pastiglie...ma hanno anche l'estratto liquido?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 04/02/2012 00:26 #1484

  • Cecilia
illiria ha scritto:
@Nataku,
da argania ho sempre preso i semi di pompelmo in pastiglie...ma hanno anche l'estratto liquido?
No, quello non ce l´hanno ma puoi sempre provare a chiedere oppure puoi comprare quello della Biovea.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 04/02/2012 00:29 #1487

  • Gabriele
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Account Deleted
  • Messaggi: 717
  • Ringraziamenti ricevuti 677
illiria ha scritto:
@Nataku,
da argania ho sempre preso i semi di pompelmo in pastiglie...ma hanno anche l'estratto liquido?

L'estratto liquido è molto buono quello che acquisto da Biovea :

biovea.it/product_detail.aspx?NAME=CONCE...3&OS=204#top-of-page
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: yagoo40

Re: I Semi di Pompelmo 04/02/2012 01:14 #1491

  • Cecilia
Altre indicazioni nelle quali l´ESP é indicato:

CISTITE
L'estratto dei semi di Pompelmo, (o G.S.E., Grapefruit Seed Extract) contiene un'elevata concentrazione di bioflavonoidi e la sua azione battericida si esplica sulla membrana cellulare dei microrganismi, modificandone la permeabilità e le attività enzimatiche, sino alla morte del microrganismo stesso. L'azione è proporzionale alla concentrazione.

ULCERA GASTRICA
E' stato confermato l'utilizzo dei semi di pompelmo nei casi di ulcera gastrica; un recente studio a Cracovia ha dimostrato l'efficacia della polvere di semi di pompelmo nella riduzione di ulcera gastrica sui ratti da laboratorio.

AFFEZIONI ALLA PROSTATA
L’Estratto di semi di Pompelmo è risultato essere molto efficace nei casi di prostatiti ed ipertrofia prostatica benigna. In queste situazioni il prodotto consigliato, in compresse , esplica, grazie al GSE e a principi vegetali, le seguenti funzioni: contrasta i batteri responsabili di infezione, attenua l’infiammazione, favorisce la minzione ed apporta fitosteroli con riconosciuti benefici per la sfera sessuale maschile.

EMORROIDI
L’Estratto di semi di Pompelmo, grazie alle sue proprietà antimicrobiche "selettive" è l’aiuto indispensabile per correggere la disbiosi intestinale, spesso all’origine di problemi emorroidali; inoltre grazie alle proprietà citoprotettive difende i tessuti dal danno infiammatorio e mantiene l’integrità e la salute del microcircolo della zona anale. Le sue capacità igienizzanti lo rendono ideale anche per l’applicazione locale, poiché, a causa dei frequenti sanguinamenti, è necessario mantenere "pulita" la zona, favorendo la cicatrizzazione. Il GSE, coadiuvato da componenti naturali ad azione venotonica, è un aiuto concreto sia nel risolvere le crisi acute sia nella prevenzione delle ricadute.

VERMI INTESTINALI
Le proprietà antiparassitarie del GSE lo rendono l’aiuto di base indispensabile per intervenire nelle problematiche legate all’infestazione da vermi intestinali, in particolare da ossiuri (specie più diffusa in Occidente: 30% adulti, 50% bambini).
L’approccio risolutivo, nei casi conclamati, in quelli sospetti e anche in prevenzione, all’interno dei quali l’Estratto di semi di Pompelmo è associato a principi vegetali con funzione di causare l’immobilizzazione o la morte del parassita e di favorirne l’espulsione con le feci; prodotto in crema ad azione perianale, in tubo da 75 mi, che completa l’azione antiparassitaria, impedisce alla femmina di ossiuri di deporre le uova, lenisce la zona perianale evitando cosi il prurito, il grattamento e il conseguente pericolo di trasmettere le uova nell’ambiente o di reinfestarsi; un prodotto indispensabile per interrompere il ciclo vitale del parassita e portare alla definitiva risoluzione del problema; prodotto in salviette monouso ad azione antiitrasmissibilità, formulato per la detersione di parti del corpo e di oggetti con cui l’individuo infestato può essere venuto a contatto e che potrebbero perciò diventare veicolo di trasmissibilità dei parassiti nell’ambiente.
www.lacrisopea.com/news-610/ESTRATTO-DI-...-Propriet%C3%A0.aspx
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 04/02/2012 01:23 #1492

  • Cecilia
Candida albicans, vaginiti, parassiti vaginali, micosi vaginale:
mettere 3/4 gocce di estratto di semi pompelmo in acqua con 5/6 gocce di O.E. di Malaleuca e lavare esternamente ogni giorno:attenzione non usare il prodotto puro!!!

Fare irrigazioni vaginali con 2/3 gocce di estratto e 15 gocce di O.E. Malaleuca con 250 ml. di acqua 2 volte al dì per i primi 3 giorni poi 1 volta al dì per altri 3/6 giorni.

Nell’ultimo ciclo del lavaggio della biancheria intima (anche del partner) aggiungere 20 gocce del prodotto.
Come prevenzione si possono fare irrigazioni per 1/2 al mese e lavaggi esterni per 1/2 la settimana..

Per il partner fare il bagno esterno con 3/4 gocce diluite in acqua 1/2 al dì; fare toccature sul pene con 10 gocce di estratto in olio di sesamo o di oliva (circa 50/70 ml.) per 1/2 al dì dopo il lavaggio.

Assumere il prodotto per via interna:5/12 gocce per tre volte al dì in acqua dopo pasti(per entrambi);

- diarrea, infezioni intestinali, dolori addominali, nausea, vomito:
usare 5/12 gocce per 2/3 al dì in acqua associato a fermenti lattici ad alta concentrazione;

forfora, dermatite seborroica, prurito sul cuoio capelluto:
prendere una dose di shampoo(meglio Vitanova Olioderbe propoli) nel palmo della mano e aggiungere 5/10 gocce di estratto e lavarsi i capelli meglio se con cute asciutta, lasciare agire per 5 minuti il prodotto a contatto con i capelli e la cute e poi risciacquare abbondantemente.

Se necessario usare dopo lo shampoo una lozione preparata con 20 gocce di estratto diluito in acqua in una tazzina da caffè; attenzione evitare il contatto con gli occhi;

psoriasi, licheni, fuoco di S.Antonio, eczemi:
mescolare 10 gocce di estratto con una tazzina da caffè con olio di borragine e trattare la parte interassata 2 volte al dì;

micosi del piede:
se la parte interessata non è molto sensibile si può usare l’estratto puro(1 o 2 gocce al massimo), altrimenti deve essere diluito con O.E. di Malaleuca (10 gocce di ciascuno) in una tazzina di acqua o glicerina, fare lavaggi per 2 volte al dì

occhio di pernice:
1 o 2 gocce di estratto puro localmente 1 o 2 volte al dì;

verruche:
levigare e raschiare le parti cornee 1 volta alla settimana con una limetta
ruvida o pietra pomice e versare sulla verruca 2/3 volte la settimana una goccia di estratto oppure il liquido " porri e verruche" a base di thuia e estratto di pompelmo 1 volta al dì;

callosità:
pediluvio di 10 minuti con acqua calda e 30 gocce di estratto poi usare la lima ogni giorno per 3/6 giorni fino a miglioramento;
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 04/02/2012 17:33 #1565

  • massimo
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 53
  • Ringraziamenti ricevuti 8
Anch'io ho comprato i semi di pompelmo in compresse dall'argania , mi trovo benissimo.
Una precisazione c'è scritto "non usare in gravidanza". Non è il mio caso, ma è solo una precauzione della ditta fornitrice o puo causare qualche problema alle donne gravide?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 05/02/2012 03:03 #1628

  • Calo
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 55
  • Ringraziamenti ricevuti 22
E' senz'altro una precauzione. Visto che i semi di pompelmo contengono anche dei composti di cianuro, esiste la possibilità che possano intossicare il feto. Magari non succede nulla, ma la cautela, in caso di gravidanza, non è mai troppa.
Certo, dovrebbero scriverlo anche sul prezzemolo, sul rosmarino, su cardi e carciofi, e su altri alimenti, ma ci si augura che le donne (o i mariti) si informino autonomamente.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: yagoo40

Re: I Semi di Pompelmo 05/02/2012 10:42 #1643

  • alex86
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1120
  • Ringraziamenti ricevuti 163
massimo ha scritto:
Anch'io ho comprato i semi di pompelmo in compresse dall'argania , mi trovo benissimo.
Una precisazione c'è scritto "non usare in gravidanza". Non è il mio caso, ma è solo una precauzione della ditta fornitrice o puo causare qualche problema alle donne gravide?

anke io li uso solo che ho dei dubbi sul dosaggio, di norma c'è scritto 3 compresse x 3 volte al di, è un dosaggio coretto per raffreddori o influenze???

grazie
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 05/02/2012 10:59 #1646

  • yagoo40
  • Offline
  • Amministratore
  • Messaggi: 1897
  • Ringraziamenti ricevuti 907
vezz86 ha scritto:
massimo ha scritto:
Anch'io ho comprato i semi di pompelmo in compresse dall'argania , mi trovo benissimo.
Una precisazione c'è scritto "non usare in gravidanza". Non è il mio caso, ma è solo una precauzione della ditta fornitrice o puo causare qualche problema alle donne gravide?

anke io li uso solo che ho dei dubbi sul dosaggio, di norma c'è scritto 3 compresse x 3 volte al di, è un dosaggio coretto per raffreddori o influenze???

grazie

Ciao Alessandro,
Tutto dipende dalla reazione individuale del singolo.
Puoi partire con 1 compressa per 3 volte al giorno e via via aumentare, normalmente 3 X 3 rappresenta il dosaggio massimo giornaliero.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 05/02/2012 11:48 #1652

  • salus
  • Offline
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 244
  • Ringraziamenti ricevuti 82
x cecilia

emorroidi.....assunzione di esp in cps o applicazioni topiche? in caso di uso topico quante gocce x quante volte al giorno e in che modo (ovvero uso di garza sterile)?
grazie per l'aiuto

Renzo
"chi di medicina guarisce....di medicina perisce"
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 05/02/2012 14:16 #1674

  • Cecilia
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 06/02/2012 12:58 #1804

  • massimo
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 53
  • Ringraziamenti ricevuti 8
Calo ha scritto:
E' senz'altro una precauzione. Visto che i semi di pompelmo contengono anche dei composti di cianuro, esiste la possibilità che possano intossicare il feto. Magari non succede nulla, ma la cautela, in caso di gravidanza, non è mai troppa.
Certo, dovrebbero scriverlo anche sul prezzemolo, sul rosmarino, su cardi e carciofi, e su altri alimenti, ma ci si augura che le donne (o i mariti) si informino autonomamente.


anche su queste spezie e verdure ci sono composti di cianuro?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 07/02/2012 02:24 #1942

  • Calo
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Messaggi: 55
  • Ringraziamenti ricevuti 22
No, Massimo, ma sono sconsigliati alle donne in gravidanza e nel periodo dell'allattamento, perché sono alimenti galattofughi, ovvero ostacolano la produzione del latte; il prezzemolo inoltre favorisce le contrazioni uterine, e visto che ogni donna può avere una minore o maggiore sensibilità alla sostanza (che non so qual è) che può provocare questo effetto, sarà bene limitare il più possibile il suo consumo.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 11:04 #2386

  • alex86
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1120
  • Ringraziamenti ricevuti 163
Per debellare batteri come:
Escherica coli o enterococco fecalis, quandte compresse?? e per quanto tempo circa?

ho provato con 3 al di per 18 giorni, migliorato ma non guarito... :whistle:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 11:12 #2387

  • Cecilia
Non guarito perché quello é il dosaggio .. diciamo ..normale.
Quando si devono debellare alcuni batteri o che, il dosaggio si puó tranquillamente aumentare.
Tieni conto che le 9 pastiglie canoniche le ho date a mio figlio 13enne, con 3 pastiglie non fai niente.
Prima che l´ESP cominci a provocare effetti collaterali bisogna raggiungere un dosaggio giornaliero che difficilmente da superare.
Ultima modifica: 10/02/2012 11:12 da Cecilia.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 11:18 #2389

  • alex86
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1120
  • Ringraziamenti ricevuti 163
Cecilia ha scritto:
Non guarito perché quello é il dosaggio .. diciamo ..normale.
Quando si devono debellare alcuni batteri o che, il dosaggio si puó tranquillamente aumentare.
Tieni conto che le 9 pastiglie canoniche le ho date a mio figlio 13enne, con 3 pastiglie non fai niente.
Prima che l´ESP cominci a provocare effetti collaterali bisogna raggiungere un dosaggio giornaliero che difficilmente da superare.

Scusa ho sbagliato ho usato 3 x 3 al di... quindi tot. 9 al giorno...
dici ke dovrei fare 10 o 12?? :(
considera che li ho presi finke' la confezione non è finita... :pinch:
E poi.. io prendo le compresse che contengono anke cellulosa, maltodestrine, idrossipropilcellulosa, magnesio stearato, mono e digliceridi degli acidi grassi, carbossimetilcellulosa, biossido di silice.

se invece si usasse l'estratto glicerico... ad esempio??
Ultima modifica: 10/02/2012 11:28 da alex86.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 12:12 #2404

  • salus
  • Offline
  • Gold Boarder
  • Messaggi: 244
  • Ringraziamenti ricevuti 82
Mi permetto di posrae l'esperienza personale....mia figlia, 12 anni, infezione vie urinarie.....otite....debellate con 3 cps x 3 volte al dì sino a scomparsa sintomi.....esp dell'argania....indico argania solo x indicarne la titolazione ;)
saluti
ozner
"chi di medicina guarisce....di medicina perisce"
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Cecilia

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 12:19 #2406

  • Cecilia
vezz86 ha scritto:
Cecilia ha scritto:
Non guarito perché quello é il dosaggio .. diciamo ..normale.
Quando si devono debellare alcuni batteri o che, il dosaggio si puó tranquillamente aumentare.
Tieni conto che le 9 pastiglie canoniche le ho date a mio figlio 13enne, con 3 pastiglie non fai niente.
Prima che l´ESP cominci a provocare effetti collaterali bisogna raggiungere un dosaggio giornaliero che difficilmente da superare.

Scusa ho sbagliato ho usato 3 x 3 al di... quindi tot. 9 al giorno...
dici ke dovrei fare 10 o 12?? :(
considera che li ho presi finke' la confezione non è finita... :pinch:
E poi.. io prendo le compresse che contengono anke cellulosa, maltodestrine, idrossipropilcellulosa, magnesio stearato, mono e digliceridi degli acidi grassi, carbossimetilcellulosa, biossido di silice.

se invece si usasse l'estratto glicerico... ad esempio??
Io devo dire che a suo tempo ho comprato 1 kg di ESP in polvere dall´Argania
e quindi ne ho di riserva, puro, lo metto nell´ostia e via!

al posto tuo io aumenterei il dosaggio :)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 12:24 #2409

  • alex86
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1120
  • Ringraziamenti ricevuti 163
Cecilia ha scritto:
vezz86 ha scritto:
Cecilia ha scritto:
Non guarito perché quello é il dosaggio .. diciamo ..normale.
Quando si devono debellare alcuni batteri o che, il dosaggio si puó tranquillamente aumentare.
Tieni conto che le 9 pastiglie canoniche le ho date a mio figlio 13enne, con 3 pastiglie non fai niente.
Prima che l´ESP cominci a provocare effetti collaterali bisogna raggiungere un dosaggio giornaliero che difficilmente da superare.

Scusa ho sbagliato ho usato 3 x 3 al di... quindi tot. 9 al giorno...
dici ke dovrei fare 10 o 12?? :(
considera che li ho presi finke' la confezione non è finita... :pinch:
E poi.. io prendo le compresse che contengono anke cellulosa, maltodestrine, idrossipropilcellulosa, magnesio stearato, mono e digliceridi degli acidi grassi, carbossimetilcellulosa, biossido di silice.

se invece si usasse l'estratto glicerico... ad esempio??
Io devo dire che a suo tempo ho comprato 1 kg di ESP in polvere dall´Argania
e quindi ne ho di riserva, puro, lo metto nell´ostia e via!

al posto tuo io aumenterei il dosaggio :)

Sto pensando di ricomniciare.. perke' l'impatto mi è sembrato buono, provero con un 3+4+3 per 15 giorni e vedo.. semmai continuo.. fino a un mese anke, mi scoccia solo per gli eccipienti. La polvere è meglio ma te la danno solo a kg!! :evil:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 12:27 #2410

  • Cecilia
Prendi la polvere che é meglio
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 12:44 #2417

  • alex86
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 1120
  • Ringraziamenti ricevuti 163
Cecilia ha scritto:
Prendi la polvere che é meglio

mi daresti il link? ke non la trovo pleaseeee!?!? :silly:

ovviamente a riparo da luce, umidita' ecc...??
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: I Semi di Pompelmo 10/02/2012 12:59 #2423

  • Cecilia
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

I Semi di Pompelmo 15/05/2014 13:12 #27335

  • LesleyMoyesw
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
Gabriele ha scritto:
SEMI DI POMPELMO

Nel 1980 in Florida, un immunologo, il dottor Jacob Harich amante del giardinaggio si accorse che in un mucchio di materiale da compostaggio i semi di pompelmo nel suo fertilizzante vegetale non si decomponevano.

Si rese conto che nei semi di pompelmo si nascondeva una sostanza, la quale sembrava essere piu' efficace e meno nociva di ogni altro antibiotico conosciuto.La verifica di questa ipotesi fu condotta con diversi studi effettuati in numerose e i risultati hanno confermato molte delle proprieta' antibatteriche dell'estratto di semi di pompelmo, che secondo gli erboristi puo' essere considerato un vero antibiotico naturale che non indebolisce il sistema immunitario, non danneggia la flora batterica, e' ipoallergenico e senza effetti collaterali.

Secondo i guru delle terapie e dell'alimentazione naturali, chi vuole difendersi dal crescente stress della nostra societa', dai danni provocati da una vita poco naturale e un'alimentazione generalmente poco sana e inquinata dalla presenza di additivi, per chi desidera rinforzare il proprio sistema immunitario indebolito, trovera' nell'estratto di semi di pompelmo un ottimo rimedio.

Il suo uso per bocca e' raccomandato soprattutto nella cura delle malattie da raffreddamento e nei disturbi del tratto gastrointestinale, ma puo' essere utilizzato in forma topica contro moltissimi sintomi: in particolare in caso di malattie della pelle e delle mucose provocate da batteri, virus, funghi, o parassiti l'estratto sembra essere in grado di distruggere agenti patogeni.

La ricerca su questa sostanza e' ancora agli inizi ma la conferma sulle sue proprieta' antibatteriche, antimicotiche e antiparassitarie ne ha diffuso il suo utilizzo in vari campi: nella cosmesi, l'azione antisettica dell'estratto puo' essere molto utile in presenza di acne.

Nell'igiene personale previene le infezioni senza infiammare le mucose, puo' essere inoltre utilizzato anche in casa aggiunto all'acqua per lavare, oppure negli umidificatori, nelle vaschette dei caloriferi per evitare la proliferazione dei germi.

Alcune gocce di estratto di semi di pompelmo nell'acqua per bagnare le piante verdi possono eliminare la muffa nei vasi, oppure mantenere freschi i fiori recisi nel vaso. L'omeopatia considera l'estratto di semi di pompelmo un toccasana per il benessere fisico e un'alternativa a molti farmaci e prodotti di sintesi per l'igiene, a conservanti e antiparassitari

www.lapelle.it/alimentazione/pompelmo.htm

Famiglia: Rutaceae
Pianta officinale, alimentare
Parte utilizzata: semi

PRINCIPI ATTIVI
composti polifenolici quaternari; ac.ascorbico; aminoacidi

PROPRIETA'’
I semi di pompelmo contengono bioflavonoidi e naringina, isosakuranetina, neoesperidina, esperidina, diidrocanferolo, quercetina, canferolo, apigenina rutinoside ecc.

Piu alcune proteine. L' estratto viene ricavato dai semi e dalla polpa disidratata.

Per l' estrazione vengono impiegate glicerina o grasso di cocco, non si tratta di una semplice estrazione, ma di una serie di processi durante i quali si formano nuovi legami chimici.

Per esempio i bioflavonoidi vengono trasformati in legami quaternari, questi legami esercitano una potente azione inibente vero i batteri, funghi, parassiti e alcuni virus, mantenendo una btossicita' estremamente bassa nei confronti dell' uomo e degli animali come dimostrato in numerosi studi e test di laboratorio.

I risultati delle ricerche indicano che l'estratto dei semi di pompelmo agisce su 800 ceppi di batteri fra i quali: salmonella, e. Coli, vibrio cholerae, staph, strep, lysteria, shigella dysenteriae, clamydia etc., virus, su circa 100 ceppi fi funghi e molti parassiti monocellulari.

Dagli studi effettuati risulta che l' estratto dei semi di pompelmo esercita attivita' antimicrobica a una concentrazione di 1 a 1000. Un gruppo di ricercatori nel 1989/90 provo' la loro attivita' su 773 ceppi batterici e 93 ceppi di funghi e fece un confronto con 30 antibiotici e 18 antimicotici.

Il risultato fu che' lazione dei semi era uguale a quella delle altre sostanze esaminate.

Ricerche scientifiche hanno dimostrato che il limite oltreil quale si rischia l'intossicazione e' 4000 volte superiore alla dose normale di 10-12 gocce. Un individuo di 80 chili ne dovrebbe ingerire 1,3 litri per avere una intossicazione.

L'estratto allegerendo, grazie all' azione antimicrobica, il lavoro del sistema immunitario contribuisce a rafforzarlo.

Generalmente non genera allergie , ma le persone con allergia verso gli agrumi potrebbero essere sensibili all' estratto di semi di pompelmo.

L'estratto e' impiegato nelle forme influenzali, nelle infezioni gastrointestinali da batteri , virus e funghi, nelle parassitosi, nelle ulcere e gastriti sostenute dall' helicobcter pylori, nel trattamento della candida( saccaromiceta che normalmente si sviluppa nell'intestino senza provocare danni , se il sistema immunitario si indebolisce, questo fungo puo' proliferare e emigrare in altri organi come rene, polmoni, pelle e altre mucose causando notevoli danni.

Ad esempio,
flatulenze, colite, ulcere dell'apparato digerente, disturbi femminili come dolori mestruali, fibrosi, disturbi maschili, come prostatite, allergie, asma, sinusite ecc.

Questi disturbi vengono provocati dalle tossine della candida che ne produce circa un centinaio.
Una di queste, puo' provocare alterazioni ormonali, altre ai nervi, inoltre la candida puo produrre alcool. Le diverse tossine sovraccaricano inoltre il lavoro del fegato.

INDICAZIONI
Infezioni batteriche da samonella, e.coli, vibrio cholerae, staphilococchi, streptococchi, lysteria, shigella dysenteriae, clamydia;

affezioni intestinali da protozoi (entamoeba hystolytica, giardia lambia)¨;

infezioni vaginali croniche da candida;

malattie da raffreddamento, influenza;

disturbi del tratto gastro intestinale (colite ulcerosa, soprattutto se associata alla presenza di patogeni quali shigella, giardia lamblia, amebe)¨ "diarrea" del viaggiatore, come preventivo e curativo; squilibri della flora intestinale (in associazione con lactobacillus acidophylus, lactobacilus rhamnosus, bifidobacterium);

potenziamento delle difese immunitarie (in associazione con estratti di echinacea, uncaria,tabebuia, astragalo.

NOTE
Ricerche tossicologiche confermano che gli estratti dei semi di pompelmo non presentano alcuna tossicità alle dosi consigliate né a breve né a lungo termine.
Soltanto il 3-5 % dei pazienti non tollera bene l'acidità tipica dell'estratto. In questi casi si consiglia di assumere l'estratto a stomaco pieno iniziando il trattamento con il dosaggio minimo, per poi aumentarlo.Sconsigliato agli allergici agli agrumi
Ld50: 5000 mg/kg

Uso esterno dell’estratto di semi di pompelmo


BOCCA e LABBRA:
E’ il rimedio naturale ideale per effettuare gargarismi che producono una potente azione antisettica. Elimina i batteri ed i germi dannosi ed impedisce che si riformino.
Diluire 5 gocce in un bicchiere di acqua, fare gargarismi tre volte al giorno.

AFTE della mucosa buccale e stomatiti ulcerose:
sciacquare la bocca regolarmente, più volte al giorno, con 10 gocce di estratto di semi di pompelmo diluite in un bicchiere d’acqua. Nel caso delle
afte, piccole ulcere dolorose provocate da virus erpetici riattivati, tamponarle con una soluzione costituita da 2 gocce, diluite in uncucchiaio
di acqua, utilizzando un bastoncino di ovatta.

ALITOSI:
può essere causata dai batteri presenti all’interno della bocca, dai denti cariati o dalla fermentazione nel tratto digestivo profondo. Sciacquare la bocca e fare gargarismi più volte al giorno con alcune gocce di estratto diluite in un bicchiere d’acqua.

LABBRA SCREPOLATE:
diluire alcune gocce di estratto in un cucchiaio di olio e detergere le labbra più volte al giorno con questa miscela. Questo trattamento può essere usato anche nel trattamento dell’HERPES LABIALE, lasciando agire il preparato anche di notte.

DENTI E GENGIVE:
la placca dentale, che può provocare la carie e la paradontosi, è di origine batterica. L’infiammazione delle gengive è causata dai prodotti metabolici dei batteri della placca, che sono tossici e aggrediscono le gengive fino a provocarne, in alcuni casi, il sanguinamento.

L’estratto dei semi di pompelmo può prevenire con efficacia la formazione della placca:
1) mettere 1-2-gocce di estratto sullo spazzolino umido e spazzolare i denti 3 volte al giorno;
2) aggiungere 5-10 gocce in un bicchiere d’acqua e fare degli sciacqui;
3) utilizzare il filo interdentale inumidito con l’estratto o aggiungerne 2-3 gocce all’idropulsore;
4) in caso di infiammazioni gravi mettere alcune gocce (diluite in una tazzina da caffè di acqua) su una striscia di ovatta, posarla
sulle gengive e lasciarla agire per un paio di minuti al giorno.
5) l’estratto permette di eliminare i germi indesiderati dallo spazzolino da denti e di evitarne l’ulteriore proliferazione. Mettere 10 gocce di estratto in un bicchiere di acqua e lasciarvi lo spazzolino anche per tutta la notte. Prima dell’uso risciacquarlo con cura per eliminare i
germi morti. La miscela di estratto e acqua deve essere rinnovata ogni due giorni.
6) In caso di mal di denti ed estrazioni dentarie, fare gargarismi più volte al giorno con una soluzione di 10gtt di estratto di semi
di pompelmo diluite in un bicchiere di acqua.
Una soluzione, questa, utile anche in caso di mal di gola, raucedine e laringite.

VISO
(acne, impurità della pelle, brufoli): inumidire la pelle, strofinare circa 5 gocce di estratto sulle mani bagnate e massaggiare bene il viso.Lasciare agire, risciacquare e asciugare tamponando.
Se si avverte una leggera sensazione di prurito sulla pelle significa che l’estratto sta agendo in profondità.

PELLE:
L’estratto, utilizzato sottoforma di spray, si è dimostrato un efficace rimedio di emergenza per le piccole ferite, le bruciature,
le punture di insetto, l’orticaria e, grazie al suo straordinario potere fungicida, per le micosi cutanee.

In quest’ultimo caso l’estratto va frizionato sulle parti interessate, mescolato a glicerina o olio, due volte al giorno; l’applicazione va
continuata anche dopo la scomparsa dei sintomi.

Nelle micosi dei piedi , così come nell’iperidrosi (eccessiva sudorazione dei piedi che viene provocata dai funghi) si può utilizzare la
polvere a base di estratto di semi di pompelmo.


Uso interno dell’estratto:

E’ risaputo che i batteri ed i virus provocano molti disturbi interni o contribuiscono al loro insorgere.

L’efficacia dell’estratto è stata riconosciuta da un numero sempre maggiore di medici naturali, che lo impiegano soprattutto nella cura
delle malattie da raffreddamento e dei disturbi del tratto gastrointestinale.

Le malattie da raffreddamento comprendono i disturbi influenzali - che interessano le vie respiratorie e sono spesso accompagnati da febbre, raffreddore, raucedine, tosse, mal di gola, mal di testa, dolori articolari - e l’influenza vera e propria, che si manifesta più o meno
con i medesimi sintomi dei disturbi influenzali, ma è più grave.

L’estratto di semi si è dimostrato molto efficace: 3-15 gocce 2-3 volte al giorno diluite in un bicchiere di acqua. Le gocce sono già diluite in glicerina e devono essere mescolate molto bene all’acqua; se il sapore è troppo amaro, si può aggiungere del succo di frutta.

La stessa posologia può essere utilizzata con successo anche nelle infezioni del tratto gastrointestinale con diarrea, dolori addominali, nausea e vomito.

L'ESP ha una una proprietà poco conosciuta che vorrei esporvi.

La sua proprietà è "nascosta" in un flovonoide la naringina.

La naringina è una molecola appartenente alla classe degli eterosidi flavonoidici (O-eterosidi che per idrolisi liberano uno o più zuccheri - nel caso della naringina glucosio e ramnosio - ed un aglicone a 15 atomi di carbonio appartenente alla classe dei flavonoidi) condivide quindi con gli altri eterosidi flavonoidici (o bioflavonoidi) molte delle caratteristiche tipiche di questa classe di sostanze, ma possiede anche alcune singolari proprietà che la differenziano e la rendono una molecola molto interessante sia da sola che in associazione con altre materie prime.

In particolare, esercitando un’azione inibente sugli enzimi epatici del complesso citocromo P450, può influenzare i vari meccanismi di attivazione e metabolizzazione di numerose sostanze, siano esse farmaci od altre molecole che percorrono questa via, modulandone la biodisponibilità.

La naringina, in virtù del suo potere inibente nei confronti di alcuni enzimi del complesso citocromo P450, può influenzare anche la biodisponibilità e l’emivita della caffeina. La metabolizzazione della caffeina dipende in larga parte infatti da uno di questi enzimi, il CYP1A1, il quale è presente nel fegato, ma anche a livello intestinale.

In un recente studio è stato dimostrato come la somministrazione di 1,2 L/die di succo di pompelmo contenente 0,5 g di naringina/L abbia diminuito nell’uomo la clearance orale della caffeina del 23% e prolungato la sua emivita del 31%. Inoltre, in vitro, la naringina si è dimostrata un potente inibitore della 3-demetilazione della caffeina in colture di microsomi epatici umani.

Anche se i risultati ottenuti da altri studi non sono del tutto concordi e le modalità non completamente chiarite, sembra ormai certo che la naringina possa inibire l’attività dell’enzima CYPIA2, coinvolto nel complesso meccanismo di metabolizzazione della caffeina ed influenzare, di conseguenza, la biodisponibilità di quest’ultima.

Alcuni studi hanno dimostrato come l’assunzione di naringina possa esercitare un’azione gastroprotettiva. Tale proprietà si esplicherebbe mediante un effetto citoprotettivo rivolto principalmente alle ulcerazioni da etanolo.

L’azione epatoprotettiva della naringina deriverebbe soprattutto dall’azione di inibizione nei confronti degli enzimi del citocromo P450 che, tra le altre cose, in molti casi sottintendono anche all’attivazione di sostanze dannose.

In particolare, sono emerse le seguenti azioni:

azione protettiva rivolta ai danni indotti a livello polmonare ed epatico da specifiche nitrosamine derivate dal tabacco ;
azione protettiva nei confronti dei danni indotti a livello epatico dalle amine eterocicliche aromatiche ;
azione chemiopreventiva nei confronti delle sostanze tossiche attivate dal P450 1A2;
azione protettiva dell’autofagia epatocitica e dell’endocistosi contro l’inibizione da acido ocadaidico (inibitore delle proteine fosfatasi)

Alcuni studi hanno identificato altre possibili proprietà attribuibili alla naringina contenuta nel pompelmo. Tra queste ricordiamo:

attività anti-aterogenica ;
attività contro l’insufficienza venoso-linfatica (gambe pesanti, edemi, crampi, parestesie, emorroidi);
attività coadiuvante dei disturbi circolatori a livello della retina e del colloide.

Oltre a quanto elencato sopra essendo un bioflavonoide partecipa anche :

riduzione della permeabilità e della fragilità delle pareti dei vasi capillari e parallelo aumento della resistenza (effetto capillarotropico).

Azione diuretica, per inibizione della fosfatasi

Inibizione della jaluronidasi: gli eterosidi flavonoidici ostacolerebbero la depolimerizzazione dell’acido jaluronico del tessuto pericapillare;

migliora la permeabilità delle biomembrane: tale azione si manifesterebbe attraverso la capacità degli eterosidi flavonici di legare il calcio e di trasportarlo in forma biologicamente attiva (ionizzata);

interazione rigenerante con l'acido ascorbico: gli eterosidi flavonoidici devono la loro attività vitaminica P al nucleo fenilico, a condizione che esso possegga due ossidrili in posizione orto. In tale circostanza essi fungono da trasportatori di idrogeno. Si ossidano ad ortochinoni i quali, fissando nuovamente idrogeno, ritornano nella forma iniziale. L’attività antiossidante dell’anello fenilico degli eterosidi flavonoidici sarebbe dunque strettamente collegata ai processi ossidoriduttivi della vitamina C (acido L-ascorbico <---> acido deidroascorbico).

Quindi ha decine di effetti benefici ma ricordate che se assumete farmaci (mi auguro di no) come anoressizzanti,antiaritmici,Antistaminici,calcioantagonisti,Chemioterapici,Immunosoppressori,Inibitori della proteasi HIV,Neurologici,Statine, o anche i seguenti principi attivi ,metadone, sildenafil, tadalafil, vardenafil,teofillina e warfarina, dovete fare molta attenzione perchè aumenta la loro biodisponibilità e la loro emivita, quindi li rende ancora più tossici.

Saluti

Bibliografia principale :

Maish W
JD, Lovallo WR (1996). Influence of grapefruit juice on caffeine pharmacokinetics and pharmacodynamics. Pharmacotherapy

Bratman S (2001). The Natural Pharmacist: Natural Health Bible, Revised and Expanded 2nd edition Edited by Stepven Bratman, M.D. & David Kroll, PhD 2001

Bear WL, Teel RW (2000). Effects of citrus phytochemicals on liver and lung cytochrome P450 activity and on the in vitro metabolism of the tobacco-specific nitrosamine NNK.

Pedretti M. Chimica e farmacologia delle piante medicinali. Studio Edizioni. Milano, 1997.

Fuhr U, Klittich K, Staib AH (1993). Inhibitory effect of grapefruit juice and its bitter principal, naringenin, on CYP1A2 dependent metabolism of caffeine in man. Br J Clin Pharmacol

Kuo SM, Levitt PS, Lin CP(1998). Dietary flavonoids interact with trace metals and affect metallothionein level in human intestinal cells.

Kim DH, Jung EA, Sohng IS, Han JA, Kim TH, Han MJ (1998). Intestinal bacterial metabolism of flavonoids and its relation to some biological activities.
Davvero non hanno alcuna informazione circa il seme .. Sembra molto efficace per me .. cercherò di raccogliere maggiori dettagli sul seme e la speranza è utile
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

I Semi di Pompelmo 17/05/2014 07:16 #27398

  • LesleyMoyesw
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
LesleyMoyesw ha scritto:
Gabriele ha scritto:
SEMI DI POMPELMO

Nel 1980 in Florida, un immunologo, il dottor Jacob Harich amante del giardinaggio si accorse che in un mucchio di materiale da compostaggio i semi di pompelmo nel suo fertilizzante vegetale non si decomponevano.

Si rese conto che nei semi di pompelmo si nascondeva una sostanza, la quale sembrava essere piu' efficace e meno nociva di ogni altro antibiotico conosciuto.La verifica di questa ipotesi fu condotta con diversi studi effettuati in numerose e i risultati hanno confermato molte delle proprieta' antibatteriche dell'estratto di semi di pompelmo, che secondo gli erboristi puo' essere considerato un vero antibiotico naturale che non indebolisce il sistema immunitario, non danneggia la flora batterica, e' ipoallergenico e senza effetti collaterali.

Secondo i guru delle terapie e dell'alimentazione naturali, chi vuole difendersi dal crescente stress della nostra societa', dai danni provocati da una vita poco naturale e un'alimentazione generalmente poco sana e inquinata dalla presenza di additivi, per chi desidera rinforzare il proprio sistema immunitario indebolito, trovera' nell'estratto di semi di pompelmo un ottimo rimedio.

Il suo uso per bocca e' raccomandato soprattutto nella cura delle malattie da raffreddamento e nei disturbi del tratto gastrointestinale, ma puo' essere utilizzato in forma topica contro moltissimi sintomi: in particolare in caso di malattie della pelle e delle mucose provocate da batteri, oviera energia virus, funghi, o parassiti l'estratto sembra essere in grado di distruggere agenti patogeni.

La ricerca su questa sostanza e' ancora agli inizi ma la conferma sulle sue proprieta' antibatteriche, antimicotiche e antiparassitarie ne ha diffuso il suo utilizzo in vari campi: nella cosmesi, l'azione antisettica dell'estratto puo' essere molto utile in presenza di acne.

Nell'igiene personale previene le infezioni senza infiammare le mucose, puo' essere inoltre utilizzato anche in casa aggiunto all'acqua per lavare, oppure negli umidificatori, nelle vaschette dei caloriferi per evitare la proliferazione dei germi.

Alcune gocce di estratto di semi di pompelmo nell'acqua per bagnare le piante verdi possono eliminare la muffa nei vasi, oppure mantenere freschi i fiori recisi nel vaso. L'omeopatia considera l'estratto di semi di pompelmo un toccasana per il benessere fisico e un'alternativa a molti farmaci e prodotti di sintesi per l'igiene, a conservanti e antiparassitari

www.lapelle.it/alimentazione/pompelmo.htm

Famiglia: Rutaceae
Pianta officinale, alimentare
Parte utilizzata: semi

PRINCIPI ATTIVI
composti polifenolici quaternari; ac.ascorbico; aminoacidi

PROPRIETA'’
I semi di pompelmo contengono bioflavonoidi e naringina, isosakuranetina, neoesperidina, esperidina, diidrocanferolo, quercetina, canferolo, apigenina rutinoside ecc.

Piu alcune proteine. L' estratto viene ricavato dai semi e dalla polpa disidratata.

Per l' estrazione vengono impiegate glicerina o grasso di cocco, non si tratta di una semplice estrazione, ma di una serie di processi durante i quali si formano nuovi legami chimici.

Per esempio i bioflavonoidi vengono trasformati in legami quaternari, questi legami esercitano una potente azione inibente vero i batteri, funghi, parassiti e alcuni virus, mantenendo una btossicita' estremamente bassa nei confronti dell' uomo e degli animali come dimostrato in numerosi studi e test di laboratorio.

I risultati delle ricerche indicano che l'estratto dei semi di pompelmo agisce su 800 ceppi di batteri fra i quali: salmonella, e. Coli, vibrio cholerae, staph, strep, lysteria, shigella dysenteriae, clamydia etc., virus, su circa 100 ceppi fi funghi e molti parassiti monocellulari.

Dagli studi effettuati risulta che l' estratto dei semi di pompelmo esercita attivita' antimicrobica a una concentrazione di 1 a 1000. Un gruppo di ricercatori nel 1989/90 provo' la loro attivita' su 773 ceppi batterici e 93 ceppi di funghi e fece un confronto con 30 antibiotici e 18 antimicotici.

Il risultato fu che' lazione dei semi era uguale a quella delle altre sostanze esaminate.

Ricerche scientifiche hanno dimostrato che il limite oltreil quale si rischia l'intossicazione e' 4000 volte superiore alla dose normale di 10-12 gocce. Un individuo di 80 chili ne dovrebbe ingerire 1,3 litri per avere una intossicazione.

L'estratto allegerendo, grazie all' azione antimicrobica, il lavoro del sistema immunitario contribuisce a rafforzarlo.

Generalmente non genera allergie , ma le persone con allergia verso gli agrumi potrebbero essere sensibili all' estratto di semi di pompelmo.

L'estratto e' impiegato nelle forme influenzali, nelle infezioni gastrointestinali da batteri , virus e funghi, nelle parassitosi, nelle ulcere e gastriti sostenute dall' helicobcter pylori, nel trattamento della candida( saccaromiceta che normalmente si sviluppa nell'intestino senza provocare danni , se il sistema immunitario si indebolisce, questo fungo puo' proliferare e emigrare in altri organi come rene, polmoni, pelle e altre mucose causando notevoli danni.

Ad esempio,
flatulenze, colite, ulcere dell'apparato digerente, disturbi femminili come dolori mestruali, fibrosi, disturbi maschili, come prostatite, allergie, asma, sinusite ecc.

Questi disturbi vengono provocati dalle tossine della candida che ne produce circa un centinaio.
Una di queste, puo' provocare alterazioni ormonali, altre ai nervi, inoltre la candida puo produrre alcool. Le diverse tossine sovraccaricano inoltre il lavoro del fegato.

INDICAZIONI
Infezioni batteriche da samonella, e.coli, vibrio cholerae, staphilococchi, streptococchi, lysteria, shigella dysenteriae, clamydia;

affezioni intestinali da protozoi (entamoeba hystolytica, giardia lambia)¨;

infezioni vaginali croniche da candida;

malattie da raffreddamento, influenza;

disturbi del tratto gastro intestinale (colite ulcerosa, soprattutto se associata alla presenza di patogeni quali shigella, giardia lamblia, amebe)¨ "diarrea" del viaggiatore, come preventivo e curativo; squilibri della flora intestinale (in associazione con lactobacillus acidophylus, lactobacilus rhamnosus, bifidobacterium);

potenziamento delle difese immunitarie (in associazione con estratti di echinacea, uncaria,tabebuia, astragalo.

NOTE
Ricerche tossicologiche confermano che gli estratti dei semi di pompelmo non presentano alcuna tossicità alle dosi consigliate né a breve né a lungo termine.
Soltanto il 3-5 % dei pazienti non tollera bene l'acidità tipica dell'estratto. In questi casi si consiglia di assumere l'estratto a stomaco pieno iniziando il trattamento con il dosaggio minimo, per poi aumentarlo.Sconsigliato agli allergici agli agrumi
Ld50: 5000 mg/kg

Uso esterno dell’estratto di semi di pompelmo


BOCCA e LABBRA:
E’ il rimedio naturale ideale per effettuare gargarismi che producono una potente azione antisettica. Elimina i batteri ed i germi dannosi ed impedisce che si riformino.
Diluire 5 gocce in un bicchiere di acqua, fare gargarismi tre volte al giorno.

AFTE della mucosa buccale e stomatiti ulcerose:
sciacquare la bocca regolarmente, più volte al giorno, con 10 gocce di estratto di semi di pompelmo diluite in un bicchiere d’acqua. Nel caso delle
afte, piccole ulcere dolorose provocate da virus erpetici riattivati, tamponarle con una soluzione costituita da 2 gocce, diluite in uncucchiaio
di acqua, utilizzando un bastoncino di ovatta.

ALITOSI:
può essere causata dai batteri presenti all’interno della bocca, dai denti cariati o dalla fermentazione nel tratto digestivo profondo. Sciacquare la bocca e fare gargarismi più volte al giorno con alcune gocce di estratto diluite in un bicchiere d’acqua.

LABBRA SCREPOLATE:
diluire alcune gocce di estratto in un cucchiaio di olio e detergere le labbra più volte al giorno con questa miscela. Questo trattamento può essere usato anche nel trattamento dell’HERPES LABIALE, lasciando agire il preparato anche di notte.

DENTI E GENGIVE:
la placca dentale, che può provocare la carie e la paradontosi, è di origine batterica. L’infiammazione delle gengive è causata dai prodotti metabolici dei batteri della placca, che sono tossici e aggrediscono le gengive fino a provocarne, in alcuni casi, il sanguinamento.

L’estratto dei semi di pompelmo può prevenire con efficacia la formazione della placca:
1) mettere 1-2-gocce di estratto sullo spazzolino umido e spazzolare i denti 3 volte al giorno;
2) aggiungere 5-10 gocce in un bicchiere d’acqua e fare degli sciacqui;
3) utilizzare il filo interdentale inumidito con l’estratto o aggiungerne 2-3 gocce all’idropulsore;
4) in caso di infiammazioni gravi mettere alcune gocce (diluite in una tazzina da caffè di acqua) su una striscia di ovatta, posarla
sulle gengive e lasciarla agire per un paio di minuti al giorno.
5) l’estratto permette di eliminare i germi indesiderati dallo spazzolino da denti e di evitarne l’ulteriore proliferazione. Mettere 10 gocce di estratto in un bicchiere di acqua e lasciarvi lo spazzolino anche per tutta la notte. Prima dell’uso risciacquarlo con cura per eliminare i
germi morti. La miscela di estratto e acqua deve essere rinnovata ogni due giorni.
6) In caso di mal di denti ed estrazioni dentarie, fare gargarismi più volte al giorno con una soluzione di 10gtt di estratto di semi
di pompelmo diluite in un bicchiere di acqua.
Una soluzione, questa, utile anche in caso di mal di gola, raucedine e laringite.

VISO
(acne, impurità della pelle, brufoli): inumidire la pelle, strofinare circa 5 gocce di estratto sulle mani bagnate e massaggiare bene il viso.Lasciare agire, risciacquare e asciugare tamponando.
Se si avverte una leggera sensazione di prurito sulla pelle significa che l’estratto sta agendo in profondità.

PELLE:
L’estratto, utilizzato sottoforma di spray, si è dimostrato un efficace rimedio di emergenza per le piccole ferite, le bruciature,
le punture di insetto, l’orticaria e, grazie al suo straordinario potere fungicida, per le micosi cutanee.

In quest’ultimo caso l’estratto va frizionato sulle parti interessate, mescolato a glicerina o olio, due volte al giorno; l’applicazione va
continuata anche dopo la scomparsa dei sintomi.

Nelle micosi dei piedi , così come nell’iperidrosi (eccessiva sudorazione dei piedi che viene provocata dai funghi) si può utilizzare la
polvere a base di estratto di semi di pompelmo.


Uso interno dell’estratto:

E’ risaputo che i batteri ed i virus provocano molti disturbi interni o contribuiscono al loro insorgere.

L’efficacia dell’estratto è stata riconosciuta da un numero sempre maggiore di medici naturali, che lo impiegano soprattutto nella cura
delle malattie da raffreddamento e dei disturbi del tratto gastrointestinale.

Le malattie da raffreddamento comprendono i disturbi influenzali - che interessano le vie respiratorie e sono spesso accompagnati da febbre, raffreddore, raucedine, tosse, mal di gola, mal di testa, dolori articolari - e l’influenza vera e propria, che si manifesta più o meno
con i medesimi sintomi dei disturbi influenzali, ma è più grave.

L’estratto di semi si è dimostrato molto efficace: 3-15 gocce 2-3 volte al giorno diluite in un bicchiere di acqua. Le gocce sono già diluite in glicerina e devono essere mescolate molto bene all’acqua; se il sapore è troppo amaro, si può aggiungere del succo di frutta.

La stessa posologia può essere utilizzata con successo anche nelle infezioni del tratto gastrointestinale con diarrea, dolori addominali, nausea e vomito.

L'ESP ha una una proprietà poco conosciuta che vorrei esporvi.

La sua proprietà è "nascosta" in un flovonoide la naringina.

La naringina è una molecola appartenente alla classe degli eterosidi flavonoidici (O-eterosidi che per idrolisi liberano uno o più zuccheri - nel caso della naringina glucosio e ramnosio - ed un aglicone a 15 atomi di carbonio appartenente alla classe dei flavonoidi) condivide quindi con gli altri eterosidi flavonoidici (o bioflavonoidi) molte delle caratteristiche tipiche di questa classe di sostanze, ma possiede anche alcune singolari proprietà che la differenziano e la rendono una molecola molto interessante sia da sola che in associazione con altre materie prime.

In particolare, esercitando un’azione inibente sugli enzimi epatici del complesso citocromo P450, può influenzare i vari meccanismi di attivazione e metabolizzazione di numerose sostanze, siano esse farmaci od altre molecole che percorrono questa via, modulandone la biodisponibilità.

La naringina, in virtù del suo potere inibente nei confronti di alcuni enzimi del complesso citocromo P450, può influenzare anche la biodisponibilità e l’emivita della caffeina. La metabolizzazione della caffeina dipende in larga parte infatti da uno di questi enzimi, il CYP1A1, il quale è presente nel fegato, ma anche a livello intestinale.

In un recente studio è stato dimostrato come la somministrazione di 1,2 L/die di succo di pompelmo contenente 0,5 g di naringina/L abbia diminuito nell’uomo la clearance orale della caffeina del 23% e prolungato la sua emivita del 31%. Inoltre, in vitro, la naringina si è dimostrata un potente inibitore della 3-demetilazione della caffeina in colture di microsomi epatici umani.

Anche se i risultati ottenuti da altri studi non sono del tutto concordi e le modalità non completamente chiarite, sembra ormai certo che la naringina possa inibire l’attività dell’enzima CYPIA2, coinvolto nel complesso meccanismo di metabolizzazione della caffeina ed influenzare, di conseguenza, la biodisponibilità di quest’ultima.

Alcuni studi hanno dimostrato come l’assunzione di naringina possa esercitare un’azione gastroprotettiva. Tale proprietà si esplicherebbe mediante un effetto citoprotettivo rivolto principalmente alle ulcerazioni da etanolo.

L’azione epatoprotettiva della naringina deriverebbe soprattutto dall’azione di inibizione nei confronti degli enzimi del citocromo P450 che, tra le altre cose, in molti casi sottintendono anche all’attivazione di sostanze dannose.

In particolare, sono emerse le seguenti azioni:

azione protettiva rivolta ai danni indotti a livello polmonare ed epatico da specifiche nitrosamine derivate dal tabacco ;
azione protettiva nei confronti dei danni indotti a livello epatico dalle amine eterocicliche aromatiche ;
azione chemiopreventiva nei confronti delle sostanze tossiche attivate dal P450 1A2;
azione protettiva dell’autofagia epatocitica e dell’endocistosi contro l’inibizione da acido ocadaidico (inibitore delle proteine fosfatasi)

Alcuni studi hanno identificato altre possibili proprietà attribuibili alla naringina contenuta nel pompelmo. Tra queste ricordiamo:

attività anti-aterogenica ;
attività contro l’insufficienza venoso-linfatica (gambe pesanti, edemi, crampi, parestesie, emorroidi);
attività coadiuvante dei disturbi circolatori a livello della retina e del colloide.

Oltre a quanto elencato sopra essendo un bioflavonoide partecipa anche :

riduzione della permeabilità e della fragilità delle pareti dei vasi capillari e parallelo aumento della resistenza (effetto capillarotropico).

Azione diuretica, per inibizione della fosfatasi

Inibizione della jaluronidasi: gli eterosidi flavonoidici ostacolerebbero la depolimerizzazione dell’acido jaluronico del tessuto pericapillare;

migliora la permeabilità delle biomembrane: tale azione si manifesterebbe attraverso la capacità degli eterosidi flavonici di legare il calcio e di trasportarlo in forma biologicamente attiva (ionizzata);

interazione rigenerante con l'acido ascorbico: gli eterosidi flavonoidici devono la loro attività vitaminica P al nucleo fenilico, a condizione che esso possegga due ossidrili in posizione orto. In tale circostanza essi fungono da trasportatori di idrogeno. Si ossidano ad ortochinoni i quali, fissando nuovamente idrogeno, ritornano nella forma iniziale. L’attività antiossidante dell’anello fenilico degli eterosidi flavonoidici sarebbe dunque strettamente collegata ai processi ossidoriduttivi della vitamina C (acido L-ascorbico <---> acido deidroascorbico).

Quindi ha decine di effetti benefici ma ricordate che se assumete farmaci (mi auguro di no) come anoressizzanti,antiaritmici,Antistaminici,calcioantagonisti,Chemioterapici,Immunosoppressori,Inibitori della proteasi HIV,Neurologici,Statine, o anche i seguenti principi attivi ,metadone, sildenafil, tadalafil, vardenafil,teofillina e warfarina, dovete fare molta attenzione perchè aumenta la loro biodisponibilità e la loro emivita, quindi li rende ancora più tossici.

Saluti

Bibliografia principale :

Maish W
JD, Lovallo WR (1996). Influence of grapefruit juice on caffeine pharmacokinetics and pharmacodynamics. Pharmacotherapy

Bratman S (2001). The Natural Pharmacist: Natural Health Bible, Revised and Expanded 2nd edition Edited by Stepven Bratman, M.D. & David Kroll, PhD 2001

Bear WL, Teel RW (2000). Effects of citrus phytochemicals on liver and lung cytochrome P450 activity and on the in vitro metabolism of the tobacco-specific nitrosamine NNK.

Pedretti M. Chimica e farmacologia delle piante medicinali. Studio Edizioni. Milano, 1997.

Fuhr U, Klittich K, Staib AH (1993). Inhibitory effect of grapefruit juice and its bitter principal, naringenin, on CYP1A2 dependent metabolism of caffeine in man. Br J Clin Pharmacol

Kuo SM, Levitt PS, Lin CP(1998). Dietary flavonoids interact with trace metals and affect metallothionein level in human intestinal cells.

Kim DH, Jung EA, Sohng IS, Han JA, Kim TH, Han MJ (1998). Intestinal bacterial metabolism of flavonoids and its relation to some biological activities.
Davvero non hanno alcuna informazione circa il seme .. Sembra molto efficace per me .. cercherò di raccogliere maggiori dettagli sul seme e la speranza è utile
E 'stato davvero incredibile informazioni ..
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.307 secondi

Salute Natura  Benessere
 

Realizzato un nuovo accordo commerciale! Sconto del 5% su centinaia di prodotti riservato ai foristi ADS. CLICCA per il codice PROMO.

 

arcobalenoErboristeria Arcobaleno

Sconto per lo shopping online. Solo gli iscritti al portale "Alleanza della Salute Forum di Medicina Ortomolecolare" potranno avvalersi di tale sconto che vale l' 8%. CLICCA